Weekend

Offlaga Disco Pax @ Jail, Legnano Il concerto inizia a mezzanotte e un quarto, un po’ tardino per i miei gusti. Però ragazzi, che roba. "Cinque quarti d’ora di socalismo tascabile" annuncia Collini nella sigla, ed i primi 4 quarti d’ora sono ovviamente deidcati proprio al fortunato cd. I ragazzi sono ancora in miglioramento, e il fatto che si suoni in un club fa in modo che il suono renda meglio, ma non solo, l’idea di alzare il volume del suono stesso si rivela vincente, perchè la voce sarà meno in primo piano ma la pieneza del live nel suo complesso ci guadagna enormemente. E anche il fatto che certe canzoni siano eseguite in modo un po’ diverso dal disco è un’ottima cosa, che innalza ancora il livello del set. Per di più Collini è sempre più partecipe nel raccontare el sue storie, che non lo stanno per nulla stufando ma nelle quali crede sempre di più, forse anche perchè fa pienoni in ogni posto in cui si presenta…Il quinto quarto d’ora è per i due iniediti, che finalmente sento anch’io, e per un rifacimento di "Enver". Alla fine si va nel sesto quarto d’ora non preannunciato ma di cui nessuno è dispiaciuto, anzi. Aspettiamo altre nuove storie dai ragazzi per sentire se anche da questo punto di vista l’ispirazione aumenta. Sul palco sta crescendo a livello esponenziale.

Baustelle @ Rolling Stone, Milano gli effetti collaterali della MalaWarner sono che per entrare mi devo fare venti minuti di coda (e il posto non è certo un buco) e che il settanta per cento della gente se ne sta ferma immobile manco stessimo facendo il gioco delle belle statuine. gli effetti collaterali di non essere una delle migliori live bands in circoalzione sono che ci sono sempre due tre pezzi che non vengono come dovrebbero, stavolta tocca a "Sergio" (suonata troppo smorta), "A Vita Bassa" (voce di Bianconi quasi del tutto non pervenuta) e "Love Affair" (un po’ meglio rispetto al pezzo prima ma anche qui di voce non è che se ne senta troppa). Gli effetti collaterali di voler bene ad un gruppo sono che appena si risolleva e ci offre canzoni eseguite bene noi aficionados ci agitiamo e saltiamo e cantiamo manco stessimo assistendo al miglior concerto della nostra (mala)vita. Indubbiamente da un certo punto in poi il concerto è di buon livello, e meno male, per cui non si può certo uscire dal Rolling insoddisfatti. Vedere Bianconi che fa il comunicatore col folto pubblico poi è un po’ una primizia, per cui alla fine questa serata sarà certamente un buon ricordo.

Angelico biella – Olimpia Milano 58-64 Per una volta la sveglia presto (che si gioca a mezzogiorno) e il viaggetto non ci hanno portato a maledire chi indossava il biancorosso (a parte quella fighetta di merda che la odio sempre di più…). Loro fanno un primo tempo da incubo, noi partiamo forte e teniamo un largo vantaggio. Merito dei nuovi, Montecchia è un play, o almeno ha capito che è questo che deve fare, mentre Grant attacca il canestro con grinta sfruttando la deboleza dei lunghi avversari, e si avventa su tutti i rimbalzi e palloni vaganti a disposizione. La ballerina è ridotta al rtuolo di terzo play, anche Coldebella gioca più minuti, e quando entra pensa bene di giocare come se i suoi compagni non esistessero e di intestardirsi in penetrazioni insensate. meno male che Lino lo togle in fretta. Che uomo di merda, ma quand’è che la smette? Intanto nel secondo tempo non ne combiniamo una giusta e ci facciamo raggiungere, complice anche un arbitraggio tra i più assurdi mai visti. Meno male che nel quato difendiamo "lardianamente" e soprattutto che Shumpert si sveglia e senga punti importantissimi, e anche galanda nel suo grigiore ne mette un paio importanti e fa dei recuperi altrettanto fondamentali. Vittoria dunque, resta da vedere la tenuta fisica di Montecchia e se la signorina la smetterà di fare la ballerina viziata e inizierà a giocare a basket, nel senso di sport di squadra, non come se fosse tennis.

Annunci

Pubblicato il gennaio 16, 2006 su Uncategorized. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 1 Commento.

  1. D’accordo con te sul concerto dei baustelle.
    E’ stato un piacere incontrarti 🙂
    Ci vediamo al prossimo, visto che hai detto che al plastic ti si vedrà raramente.
    …nasty

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: