Il 2007

Domani faccio le valigie e domenica partirò alla volta di Malaga, dove trascorrerò il mio primo Capodanno all’estero della mia vita. Quindi ora è il momento per il classico post riassuntivo dell’anno.
Non è che abbia molto da dire in realtà.

A livello lavorativo, questo è stato il mio primo anno forte di un impiego a tempo indeterminato, che non è male. Come in ogni posto di lavoro ci sono i pregi ed i difetti, per fortuna che vado molto d’accordo con le colleghe e che in fondo il lavoro stesso non è male.

A livello di viaggetti, quest’anno sono finelmente andato in Romagna a trovare la miky e la Bea ed è stato un weekend lungo davvero otiimo, pur se non c’erano dubbi. Poi c’è stato Brighton, esperienza davvero indimenticabile sia per la città che per la compagnia che per com’era strutturato il festival, e anche per alcuni, non tanti, concerti visti (e mettiamoci anche che è stato l’evento in cui più di tutti gli altri l’accredito stampa mi ha dato grandi vantaggi). Poi abbiamo firenze e quel festival massacrante, ma in cui è stato bello, oltre che ascoltare ottima musica, vedere un po’di gente che poi non ho più potuto rivedere quest’anno. Poi c’è stato il Belgio, settimana anch’essa di ottima compagnia, grazie alla quale ora non voglio sapere nulla di birre che non provengano da quella terra, e in cui ho scoperto che a Bruges dovrebbero andarci tutti una volta nella vita. E che dire del tour gastronomico monco, ma talmente assurdo e surreale che quasi quasi sarà quello che ci ricorderemo di più.

A livello musicale, l’anno era partito maluccio ma poi si è rifatto. se penso che dalla mia top 20 ho escluso dischi quali quello dei Kubichek, dei Clap Your Hands Say Yeah, dei Bloc Party, dei Cold War Kids, dei Klaxons, degli Art Brut (Eddie perdonami), di Rufus Wainwright, dei Wilco, insomma proprio una brutta annata non è stata. Come concerti, escludendo Brighton, ora come ora ne ho in mente 5 di cui parlerò anche negli anni a venire, ovvero Kula Shaker, Wilco, I’m From Barcelona, !!!, Guillemots. C’è stata, secondo me, l’apoteosi dei bei dischi italiani: oltre a quelli che ho citato nella top 20 devo nominare almeno i Carpacho, gli Ex-Otago, i Green Like July di cui ho appena parlato, Jet Set Roger, l’ep di Moltheni. Per non parlare di due ottimi lavori del 2006 che ho ascoltato solo quest’anno, ovvero News For Lulu e soprattutto Grimoon.

A livello di nuove amicizie quest’anno mi è andata particolarmente bene. Sono davvero onorato di aver conosciuto persone come Eleonora, Virginia e Alice. Le prime due sono compagne anche di blog e le ho curiosamente conosciute una il giorno successivo rispetto all’altra, e tramite la stessa persona, anche se non mi sembra che loro due si conoscano. Riguardo alla terza, il caso e la sua estrema socievolezza mi hanno permesso di incontrarla, ed un piccolo suggerimento di Cristiano di poter iniziare a tenermi in contatto con lei. Ripeto, è un onore ed un privilegio essere amico di persone come loro.

A livello di vecchie amicizie, ripeto quanto avevo scritto l’anno scorso, cioè semplicemente voi sapete chi siete.

A livello dei miei hobbies, il giornalismo musicale ha rappresentato un’attività particolarmente intensa e ricchissima di soddisfazioni, per nulla intaccate da qualche piccolo intoppo che spero verrà superato. Sono entrato in contatto con diverse persone simpatiche, sia tra i discografici/promoters che soprattutto tra gli artisti, e sentirsi dire che quello che avevo scritto coglieva in pieno il punto di vista di chi il disco l’aveva fatto, è qualcosa di stupendo. Con alcuni di coloro che mi hanno detto queste cose si può ormai parlare di amicizia, ed è altrettanto bello rendersi conto che chi hai apprezzato per le sue proposte in campo musicale è qualcuno che apprezzi anche in generale. Il basket, quello tifato è stato pieno di problemi, che non sembrano volersi risolvere nel breve periodo, ma nel medio (leggi, a fine stagione) si spera di sì. Quello giocato è andato ad alti e bassi, per colpe fondamentalmente mie. Vediamo se mi metto in testa di dedicargli il tempo e l’impegno necessari.

Mi sembra che ci sia tutto.
Arrivederci al 2008!

P.S. sono finito nei ringraziamenti sia di un libro che di un disco che, a quanto pare, hanno avuto un discreto successo. Yeah!

Annunci

Pubblicato il dicembre 28, 2007 su Uncategorized. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 1 Commento.

  1. buon viaggio barto e buon annooo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: