Quei tamarri degli Hardcore Superstar

Uno si immagina che la sera dopo un concerto dei Radiohead ogni altro gruppo che posa suonare dal vivo farà senz’altro una pessima figura. E invece quei tamarri degli Hardcore Superstar mi hanno fatto davvero divertire come volevo.

Gli Hardcore Superstar propongono un glam-hard rock melodico e, appunto, tamarro, e sono uno dei miei guilty pleasures più consolidati. Li seguo dal 2000, anche se non in modo continuativo, infatti era solo la terza volta che li vedevo, e i dischi non sempre li ho comprati per tempo. Ieri poi ho scoperto di essere molto in ritardo ora come ora, perchè sono fermo al terzo disco e loro sono arrivati a 5. Ce la posso ancora fare comunque.

Tra l’altro ieri sera hanno suonato SOLO canzoni da questi ultimi due dischi, salvo Someone Special, quindi non conoscevo niente di quello che stavano suonando. Ho notato, e i miei amici me l’hanno confermato, che hanno preso una decisa impronta metal, che li rende ancora più tamarri, giustamente, ma che comunque dal vivo funziona alla grande. Jocke è un po’ripetitivo nell’incitare la folla sempre nei soliti tre modi (o battere le mani o sparare una serie di Oh Yeah! Fuck Yeah! o ancora Milano! Scream for me!!!), però alla fine ci sta dentro eccome, anche se l’idolo rimane il bassista e le sue facce fantastiche. Il chitarrista è cambiato, e anche questo nuovo è un bel manico, ogni tanto si prende la scena ma il compito di frontmen è essenzialmente di cantante e bassista, come sempre. Le canzoni appunto non le conoscevo, ma sono state comunque molto coinvolgenti, e la gente era impazzita e cantava sempre con cori tipo da stadio, rispetto alle altre due volte è senz’altro aumentato l’entusiasmo del pubblico verso questi svedesi.

Belle le chiacchiera del pre serata con varia gente, ho scoperto tra l’altro che un mio caro amico ha un disco che voi umani non potreste neanche immaginare (e che tra l’altro mi dovrà prestare, già lo sa, perchè anche io ce l’avevo, in cassettina registrata, altri tempi che ogni tanto fa piacere ricordare…), molto bello osservare tutti i modi stravaganti con cui la gente si era vestita e/o pettinata, quasi quasi il prezzo del biglietto era compensato solo dalla particolarità della popolazione presente.

Poi, non contento, invece di andare a casa, me ne vado a raggiungere un’amica che sta festeggiando la laurea ottenuta e resto lì a fare gossip e sputtanamenti vari di amici vicini e lontani. Spettacolo. Ora di arrivo a casa, le 2 e 45. Sonno micidiale, spero di riposarmi un minimo oggi prima di andare dai Verdena.

Annunci

Pubblicato il giugno 20, 2008 su Uncategorized. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 3 commenti.

  1. someone special è quella uguale a stand by me – oasis vero? 😛

    w gli hardcore superstar!

  2. gran bel concerto, peccato per i gruppi spalla decisamente mediocri (salvo solo i dustineyes)

  3. Cazzo, me li sono persi!!

    Quanta ignoranza però!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: