Ladyhawke @ Pig Party

Ok che Facebook ha ormai effettuato il sorpasso, ma certe cose succedono ancora grazie al buon vecchio MySpace.

Succede che il mio amico Flavio, di Macerata, scopre che questa Ladyhawke, la sua passione del momento, suonerà a Milano il 25 settembre, cioè ieri, a questo Pig Party. Ingresso esclusivamente a inviti, ed ottenerli appare un’impresa piuttosto ardua, soprattutto se non abiti a Milano e non conosci nessuno di quel giro di feste e festicciole esclusive. Che fare? Ma ovviamente contattare la stessa Ladyhawke su MySpace. Succede che la signorina Pip Brown risponda personalmente al mio amico la sera prima, dicendo che lo metterà in guestlist con un +1, così non dovrà andare da solo, e gli lascia il numero di telefono della product manager, che gli dirà dove si svolgerà la festa (perchè addirittura era così esclusiva che il luogo di svolgimento è stato tenuto rigorosamente segreto). Flavio scopre nel primo pomeriggio che il famoso luogo è il Tunnel e mi dice se voglio andare con lui perchè ha un accredito in più. Perchè no, mi dico, queste serate fighette normalmente le evito come la peste, ma per una volta ci si può pure andare e poi sai mai che sta tipa mi piaccia (di solito con Flavio andiamo d’accordo, tranne che sulle Pipettes).

Appuntamento al Tunnel alle 23, l’indice di fighetteria nell’aria è già alle stelle ancora prima dell’apertura, e pian piano il locale si popola di una serie infinita di gente vestita e atteggiata in modo ultrafashion venuta lì solo per farsi vedere. Uno spettacolo assolutamente deprimente, ammetto che era pieno di belle ragazze e guardarle era comunque un piacere, però i lati positivi del pubblico finiscono lì. Io e Flavio ci piaziamo sotto il palco, tra l’altro erano sei anni e mezzo che non tornavo al Tunnel, ma non ho provato il minimo senso di nostalgia, visto il tipo di persone presenti, ben lontano dall’atmosfera del Tunnel dei tempi d’oro. Arriva Ladyhawke con la band sul palco, e negli schermi dietro inizia la proiezione del film omonimo, una scelta ironica e divertente. Lei è una bionda ventisettenne dal look e dai modi semplicissimi, con un’attitudine ben lontana da quella della stragrande maggioranza dei presenti, e mi ispira simpatia a pelle da subito, e sono molto colpito dai suoi occhi chiari assolutamente magnetici. La musica è un indie pop con la chitarra in primo piano ma con contaminazioni synth anni 80 che si fanno sentire molto. Mi piace, l’impatto è quello giusto, non è niente che passerà alla storia ma mette voglia di agitarsi, e più passa il tempo più le canzoni diventano contagiose. Ovviamente gli ultrafighetti di merda se ne stanno lì a farsi foto tra loro e a continuare la loro gara di atteggiamenti irritanti che fanno molto figo, e non mostrano minimamente di considerare chi sul palco sta comunque facendo un set di tutto rispetto. Trattandosi di uno showcase la durata è limitata, otto canzoni e a casa, noi usciamo da quella sala così triste e i lobotomizzati dentro possono continuare la loro penosa recita. Nota di merito però per la fotografa con la maglietta di Pig, che mostra di apprezzare l’artista e soprattutto di essere lì perchè le piacciono sia il suo lavoro che quello che sta fotografando, senza mostrare minimamente di tirarsela per essere la fotografa ufficiale.

Beh come minimo la aspettiamo, voglio dire tanto ci siamo solo noi per lei… Aspetta, aspetta e aspetta ecco che arriva. Flavio è una delle persone più timide che conosca, e anch’io solitamente perdo molta della mia spigliatezza quando voglio scambiare due chiacchiere coi musicisti fuori dai concerti, e poi lui che ha letto un sacco di cose su di lei sa che è pure molto timida, per cui non sappiamo se le farà piacere ricevere il nostro saluto Tocca comunque a me, e mi avvicino con setlist e pennarello in mano: ciao, mi firmi la setlist per favore? Aspetta un attimo, dice uno della crew, ok nessun problema, dico io, no no non dicevo a te, vai pure. Allora ripeto il mio ciao, mi firmi la setlist per favore? Ma certo, sorride e firma, dico sai non conoscevo niente di te, però mi è piaciuto, mi ha portato qui lui, è il ragazzo che hai messo in lista con Myspace. Ah ma sei Flavio allora, grande, sono contenta che ci vediamo, come stai? Breve conversazione, le diciamo che ci spiace per il publico e lei concorda e diciamo speriamo che la prossima volta in Italia tu abbia un pubblico migliore e lei io amo l’Italia quindi voglio tornare presto, ma voi di dove siete? Io di qui, lui si è fatto sette ore di treno, ma no ma davvero? Grande, grazie mille, prego poi sai ho ordinato via internet anche il biglietto per il tuo concerto di Londra ma ancora non me l’hanno spedito, beh se non arriva scrivimi su Myspace, ma no non ti voglio distrurbare, ma guarda che non disturbi affatto scrivimi tutte le volte che vuoi che mi fa piacere.

Insomma al di là che un artista decida di imporsi o meno di essere disponibile, secondo me lo vedi subito se ci siano possibilità che lui o lei sia una brlla persona. E la signorina Pip Brown, secondo me lo è, poi sulla musica aspetto di prendere il disco per prouniciarmi, però davvero fa piacere vedere che gente che mostra un certo spessore umano faccia in modo gradevole ciò di cui tu sei più appassionato. Spero che non sia stata l’ultima volta che ho parlato di lei, ma credo proprio che la nominerò ancora diverse volte.

Annunci

Pubblicato il settembre 26, 2008 su Uncategorized. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 15 commenti.

  1. ahah, che SCHIFO i pig party! però bello, come avete dribblato la distribuzione fighetta degli inviti.

    bella lì.

    d.

  2. non ci posso credere che ladyhawke ha suonato a milano e io non ci sono andato.
    ma insomma! non si avvertE?
    paris is burning è la hit dell’estate e non ci sono andato.
    uffa.
    ma come sono le altre canzoni?
    io conosoco solo quella…

  3. grande! io ho cercato i biglietti disperatamente… la storia dei fighetti che si fotografano fra loro è geniale eppure la storia è quella lì penosi! ti assicuro che il disco di ladyhawke spacca! e te lo dice uno che ascolta dagli n.w.a agli slayer!!!

  4. Allora! Vai a leoncavallo e ci sono i fattoni, vai ai magazzini e ci sono i tamarri, vai al plastic e ci sono gli sfigatoni, ma insomma!! Se ti devi lamentare vai al pub sotto casa… lì starai tranqillo ma non suona ladyhawke o qualche altro nuovo gruppo interessante…

    Io lavoro a pig. E ti assicuro che le persone che lavorano qui sono fantastiche. Gentili educate e si fanno il culo. Questa volta volevano fare uno showcase privato per i loro amici ma anche per i loro inserzionisti e un centinaio dei loro lettori piu affezionati. Qualcosa di piccolo per ringraziare tutti.

    Senza lo stress e la calca di una festa grande come quelle che fanno di solito.

    Non gente fighetta ma gente che lavora in questo settore, e che grazie anche a loro, il tuo amico è potuto venire a vedere una delle sue artiste preferite.

    C’era un “dress code” e il tema era “vestiti come la tua rockstar preferita”, per quello forse hai avuto l’impressione che fossero tutti fighetti che si fotografassero tra di loro.

    cmq, almeno 2 parole per dire qualcosa del tipo “saranno fighetti ma almeno ci propongono bella musica” o qualcosa del genere… non è che Ladyhawke se ne viene da sola a Milano….

    E poi, ma con che educazione te ne esci da un concerto GRATUITO di un artista interessante che viene a suonare per la prima volta a milano, grazie anche a PIG, e vai da lei per scusarti che la gente faceva schifo?? Ma che rispetto è questo? Anche tui sei un po fighetto lo sai?

    p.s. Dubito che Pip fosse d’accordo con te sulla qualità della gente visto che ci ha detto che era il suo miglior concerto di sempre e ci ha chiesto se la chiamavamo ancora….

    ciao

  5. dimenticavo:

    Questo è un messaggio per il tuo amico Flavio:

    Caro Flavio, ci faremo SEMPRE il culo per proporti bella musica. A volte ci riusciremo e altre volte no. Ma vista la tua passione, e i tuoi gusti simili ai nostri, sarai sempre il benvenuto alle feste di pig. Per favore non portare più il tuo amico Bartolone, perchè è estremamente maleducato e irrispettoso nei nostri confronti. E che tra l’altro nel suo sito si vanta di conoscere la musica ma non sapeva neanche chi fosse Ladyhawke (voglio dire, stiamo parlando di Universal Music, non di Ed Banger records… e pasa ogni giorno su mtv e radio deejay…).

    Grazie

    Un dipendente di PIG Magazine

  6. grande pig magazine! la gente è fantastica,ha qualcosa da dire fuori dalla solita banalità e sopratutto fuori dalla “massa”, e se per uscire dalla massa si passa per fighetti ben venga!!
    ps: io mi farei fotografare da meschina tutta la vita!!!! se ci sono fotografi cosi bravi (anche mazinga che quella sera non ci ha fatto dono dei suoi scatti) è ovvio che tutti vogliono farsi fotografare!
    c’è stile c’è arte c’è bella musica e un bell’ambiente!!
    se preferisci altro semplicemente non ci venire, che nessuno sentirà la tua mancanza.. 😉
    -red

  7. barto si è scatenato il putiferio!
    bravissimo.
    adesso dovo solo cercare tutto l’album che proprio non lo trovo.

  8. Purtroppo sono febbricitante quindi non riesco a rispondere come vorrei.
    Dico solo che io contro quelli che lavorano a Pig Magazine non ho scritto nemmeno una riga, il resto appena starò meglio.

  9. la gente sta -sempre più- male.
    il punto centrale è che -e non stento a non credere al Barto- a nessuno di quelli interessava la musica.

    ( e comunque “vestiti come la tua rockstar preferita” è parecchio da “sfigatoni”, per dirla tutta )
    dd2

  10. salute, io sarei il Flavio in questione_^

    ci tengo a ribadire che né io né Barto abbiamo avuto nulla da ridire su Pig Magazine e chi ci lavora.. anzi, oltre all’apprezzamento x la fotografa ufficiale, c’è quello x le vostre copertine (spesso ci sono finiti artisti di mio gradimento)..
    Detto questo, tralasciando le considerazioni sull’essere trendy-fighetti-fashion (dovute o meno al dress code della serata), il nocciolo della questione è che il 90% del pubblico non ha minimamente cagato Ladyhawke e su questo non accetto contestazioni.
    Di quelli che l’han cagata, pochi hanno apprezzato (–> http://milano.zero.eu/eventi/2008/09/25/pig-party/ ).
    Cmq ringrazio PigMag per aver contribuito a portare da noi Ladyhawke, ringrazio la gentilissima product manager, e ringrazio per gli eventuali eventi futuri.. mi chiedo solo come farò a parteciparvi se l’artista in questione non sarà così incredibilmente gentile e disponibile come la signorina Pip Brown (una persona + unica che rara).
    cHeers

    -Flavio-

  11. Ciao Flavio, la product manager che tu hai chiamato, sono io. E Io sono MESCHINA, la fotografa ufficiale che era con te sotto al palco a fare le foto. E io lavoro per PIG.
    capisco cosa intende il tuo amico quando critica la gente. credimi che molte persone si sono godute il concerto in silenzio e non per questo sono degli sfigati.
    Purtroppo alla festa non c’ero solo io come fotografa, e i fotografi come ben sai non stanno nella pelle a fare scatti a random. La gente balla e si diverte e il fotografo approfitta di quel momento per immortalare. Quindi credimi che lì non c’era gente venuta apposta per farsi fotografare. Ma fotografi venuti apposta per fare delle belle foto. Ti ricordo che la festa showcase era una cosa privata, per questo escusiva e per questo un po’ difficile da trovare l’invito. Gli invitati conoscevano tutti ladyhawke, visto che è in copertina sul numero di settembre di PIG.
    C’è sempre qualcuno a cui interessa meno la musica, ma non per questo si fa di tutta l’erba un fascio. Mi dispiace che tutte le volte che facciamo una festa con tanti problemi, se non lo sai la cara pipbrown non stava bene quella sera, hai anche rischiato di non vederla cantare, dicevo, tutte le volte che facciamo una festa, solo quelli che non sono stati invitati, ma che in un modo o nell’altro sono riusciti ad entrare hanno qualcosa da dire di negativo. Amo la musica e faccio un lavoro che mi permette di conoscere gli artisti, anche io soffro quando vedo le persone immobili attaccati alla transenna quando suonano i soulwax, eppure non dico nulla. Non dico che sono sfigati, hanno un modo tutto loro di godersi un concerto. Io salto e pogo, faccio ed banger con la testa, loro invece guardano. E credimi che la gente non è stata tutto il tempo a farsi le foto, se fosse così, il tuo amico vorrebbe dire che è stato tutto il tempo a guardare la gente e non il concerto. mi pare di capire che eravate in prima fila, mi ricordo di voi, siete stati anche gentili a farmi passare.
    Detto ciò, fa sempre paura ciò che non si conosce. Felice di avere fatto al tua conoscenza, hai anche il mio numero di telefono ora, quindi sai come contattarci. La cosa più importante è w la buona musica, e chi la ama.

    ciao

    MESCHINA

  12. Cara Meschina,
    mi fa piacere che tu capisca cosa intendo dire quando critico la gente. A me non interessa che la gente partecipi necessariamente al concerto, però, a parte che almeno due applausi potrebbero anche farli, il problema è stato proprio avere l’impressione di avere un palmo davanti a me un’artista che si stava impegnando, e un palmo dietro il menefreghismo più totale. Senza contare che durante il concerto non ho certo guardato tutto il tempo dietro di me, anzi, ma ho avuto un’ora abbondante per osservare l’atteggiamento da poser dei presenti, perchè come si è visto subito che tu eri lì a fare una cosa che amavi, era altrettanto evidente il comportamento nient’affatto naturale ma totalmente atteggiato di chi era nel locale in quel momento.
    A me dà fastidio percepire l’esistenza di gente che esce di casa solo per mettersi in posa, e non solo quando diventa oggetto dell’attenzione dei fotografi. Non c’è niente da fare, è più forte di me, per questo non partecipo mai a feste del genere, stavolta è stato un caso. Sembrerò esagerato, ma, nel momento in cui si accetta che la pura apparenza venga messa al primo posto, si dà il là al fatto che questa accettazione avvenga anche in situazioni ben più importanti di una semplice festa, a partire da decisioni e riconoscimenti in ambito lavorativo per finire alla scelta di chi deve governare il Paese. Potrei essere catastrofista, potrei parlare così, come dici tu, solo perché non conosco quel determinato ambiente, ma questa è la mia idea, e non c’è luogo più adatto del mio blog per esprimerla.
    Sul fatto che abbia da ridire solo chi non ha trovato gli inviti da voi, spero che tu non stia velatamente dicendo che mi sto comportando come la volpe con l’uva, perchè non è questo il caso, io non ho cercato niente, l’invito me lo sono ritrovato.
    Comunque sì, l’importante è w la musica e chi la ama. Spero di vederti in giro a qualche concerto prima o poi.

  13. il più tenero di tutti è quello che si firma un dipendente di pig magazine
    si vede che non ha un nome poverino
    meschina te la presento io barto
    è una gran donna, una professionista e non mi sorprende che ti abbia risposto come ti ha risposto

  14. ciao Meschina,
    grazie di nuovo x la disponibilità (e x l’email con le foto appena ricevuta). Mi dispiace trp che Pip non stesse bene quella sera.. non l’avrei mai detto: è stata impeccabile! certo che se dopo 7h e passa di viaggio non l’avessi vista sul palco, penso che mi sarei buttato dal 3°anello di S.Siro_^’
    Riguardo il pubblico, come ho già scritto, non mi interessa se sia + o meno fighetto, metallaro (come da Robyn 2weeks ago ;D) o che altro.. solo non riesco ancora ad accettare qnd c’è gente moscia o poco partecipe :-/ sarà che la musica è la + unica forma di dipendenza e ogni volta mi ritrovo essere il + fomentato in 1a fila.. sarà che essendo ipertimido faccio fatica a lasciarmi andare se anche chi è intorno a me non si smuove..
    ma girarmi e vedere che nessuno ballava durante DuskTilDawn mi ha 1 attimino depresso__-‘
    Vabeh, sono sicuro che al suo prossimo concerto in Italia (mi perdonerete se le ho suggerito di venire a Roma ;-P) si ballerà di brutto..
    Ci si vede in giro x concerti! (il tuo numero veramente non l’halvato perchè non pensavo di riutilizzarlo, mi mancherebbe anche la “faccia da culo” x chiedere inviti o altro.^
    magari ti contatto su flickr o su blog;)
    cHeersss!
    -flavio-

  15. anyway…..

    qui ci sono le foto del party….

    http://pigmag.com/gallery/Parties_Gigs/pig-party-milano-2008-09

    spero vi piacciano e che almeno un po’ vi ricordino la serata….

    🙂

    ciao!|

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: