Momenti di gloria

Partite come quella di ieri sera ti fanno essere sempre più orgoglioso di dire "I love this game" ma anche, in generale "io amo lo sport". Mi riferisco a questa partita, nella quale l’Olimpia Milano, protagonista di un’inizio di stagione con poche luci e molte ombre, ha battuto il CSKA Mosca, ovvero la squadra che ha vinto 2 volte l’Eurolega (la Champions’ del basket) negli ultimi 3 anni, e la volta che non l’ha vinta è andata comunque in finale. E l’ha battuta dopo essere stata sotto anche di 20 punti, e aver chiuso il primo tempo sotto di 17. L’ha battuta perchè all’inizio del secondo tempo i giocatori hanno capito che non aveva senso restar lì a fare da sacco di pugilato, e che si doveva tirare fuori tutta la voglia del mondo. Sono anche stati favoriti dal fatto che il consueto atto provcatorio di quella merda di Smodis ha acceso il clima del forum, che fino a quel momento ricordava vagamente la rumorosità di un acquario.

Ieri sera ho urlato come forse mai nella vita, molti lettori abituali del blog mi hanno visto scatenarmi ai concerti, ecco sappiate che ieri ero molto, ma molto più infervorato. Ho perso la voce e alla fine tutto l’urlare mi ha provocato un violento mal di testa, mi sentivo un cerchio doloroso al cranio appena sopra il collo. Ma ero felice di questo. Dalla mia bocca sono uscite le peggio parole, nei confronti, oltre che di Smodis, anche di Lorbek e soprattutto degli arbitri, e giuro che non erano insulti da tifoso miope, questi hanno davvero fischiato in modo vergognoso. Ma abbiamo vinto anche contro di loro.

Il primo quarto è stato un pianto. "Hanno paura" diceva giustamente un mio amico. A un certo punto Rocca esegue il suo gangio a velocità bradipo e il lungo avversario lo stoppa senza nemmeno alzare i piedi da terra, loro ripartono a velocità normalissima ma i nostri sono fermi stile gatti di marmo e loro schiacciano comodamente, e lì dico "ecco, questa sarà l’azione che rappresenterà la partita".
Nel secondo quarto loro continuano a dare l’impressione di poter fare quello che vogliono, però il distacco aumenta di pochissimo, e penso "vabbè, vediamo di mantenerci almeno sotto i 20 punti alla fine", ignaro di quello che sta per succedere.
Inizia il terzo quarto, e prima due canestri di Thomas e subito dopo la spacconata di Smodis accendono il clima. Improvvisamente i nostri ci mettono una determinazione incredibile, e dall’altra parte loro non fanno più girare la palla così bene. Pian pianino riduciamo il distacco, 10 punti, 8, 6, fino a 2. Poi loro la mettono allo scadere del quarto. non ci voleva, però siamo in partita. Il clima al Forum è incandescente, anche se non ci sono moltissimi spettatori. A un certo punto, esultando per un canestro, io e l’amica di fianco a me allarghiamo entrambi le braccia e lei mi dà un pugno sul mio, si scusa e io dico fai quello che vuoi, picchiami ancora se vuoi. Sono già in fase delirio avanzato. Poi le dico "Perdiamo, perchè alla fine perdiamo, però è troppo bello che almeno ci stanno provando". Lei mi guarda malissimo, lei ci crede davvero che vinceremo.
Dietro di me un’altra amica, ogni volta che Hawkins ha la palla in mano, urla "devi entrare, ogni volta che entri fai canestro e ogni tanto anche fallo, basta tirare da fuori, tu devi entrare!". e nel quarto quarto David il Falco la ascolta, e inizia ad inanellare canestri con fallo, senza mai sbagliare nemmeno il libero supplementare. Intanto il quarto fallo di Vitali potrebbe essere un intoppo, perchè deve entrare Bulleri, che domenica scorsa ha giocato pochissimo e malissimo e che potrebbe essere demotivato dalle voci insistenti circa un suo prestito altrove. Ma il Bullo c’è anche lui stasera, eccome se c’è. Sforna assist e penetrazioni come sa fare quando è in giornata, e anche gli altri ci mettono del loro, come Hall e Rocca, che non ha paura di niente e di nessuno nonostante un sopracciglio spaccato nel corso del primo tempo. E’ qui che ci si mettono gli arbitri, con una serie di chiamate ai limiti della malafede, e io li odio a morte, ma i nostri giocatori non si fanno scoraggiare e lottano, lottano come dei cani rabbiosi. Siamo in parità a 1’45” dalla fine, e loro segnano da 3 con Langdon, e io dico "Ecco, questo è il tipo di giocatore che fa questi canestri importanti", ma i nostri non fanno una piega e si riportano a contatto. L’ultimo dei fischi assurdi degli arbitri e a 57” dalla fine, e permette a loro di riportarsi in vantaggio dalla lunetta. Ma il Falco non ci sta, e la mette, loro segnano ancora, e nuovamente il Falco con una magica penetrazione delle sue la rimette dentro. Mancano 9 secondi alla fine, volendo avrebbe potuto tirare allo scadere del tempo, così’ invece ha dato loro la possibilità di tirare per la vittoria. "Lo stesso errore che ha fatto a Caserta" dico, e a Caserta loro l’ultima azione l’avevano segnata e avevano vinto. "Io farei fallo" dico ancora, perchè penso che se gli abbiamo fatto 54 punti nel secondo tempo avremo poi posibilità di segnare l’ultimo attacco. Si sceglie invece di difendere, non mi rendo conto ovviamente di chi è il loro uomo designato per la conclusione (ho scoperto solo stamattina che era Siskauskas), vedo solo che questo vuole buttarsi dentro, ma una mano gli tocca la palla, poi un’altra, e poi la perde, e Thomas la abbranca, e subisce fallo a 1”86 centesimi dalla fine. In teoria dovrebbe segnare il primo libero, poi ci sono discussioni in tribuna se converrebbe sbagliare il secondo, per far correre il cronometro e dare quindi loro meno tempo di provare il tiro della disperazione, o segnarlo. Purtroppo il primo lo sbaglia, poi sceglie, appunto, di sbagliare anche il secondo, loro tirano da venti metri e la palla non entra.

Abbiamo vinto, baci, abbracci, gambe che tremano dall’emozione, invasione di campo manco avessimo vinto lo scudetto.Speriamo che non siano appagati e che questa rappresenti una svolta e non un episodio isolato. I ragazzi sembrano tuti persone con la testa sulle spalle, quindi il rischio di vivere sui presunti allori di questa vittoria non dovrebbe esserci, però solo il campo dirà se è così oppure no. Già non vedo l’ora di domenica. E per ora mi rimane dentro la sensazione speciale di aver vissuto un’emozione indimenticabile.

Annunci

Pubblicato il dicembre 4, 2008 su Uncategorized. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: