NFL Preview 2012 – 2013

Questo è l’ultimo mese solare nel quale mi mancherà il football NFL, e volendo avrei anche la preseason per calmare l’astinenza, ma essendo una cosa piuttosto inutile non credo che la seguirò molto. L’attesa per la stagione nuova ovviamente è alle stelle ora, quindi mi sono voluto divertire a fare una preview con tanto di pronostico dettagliato. Siamo ad altissimo rischio di errore ovviamente, ma perchè togliermi il divertimento. E sia: ecco le squadre raggruppate per division con due righe su cosa mi aspetto da loro e in fondo il pronosticone.

New England Patriots: si suppone che saranno molto competitivi anche l’anno prossimo, nonostante l’età di Brady e Welker sia sempre più ragguardevole. Fatico a capire l’affollamento a roster nel ruolo di tight end (Gronkoski, Hernandez, Shiancoe e Ballard), ma chi ne sa più di me mi dice che per il gioco di Belichick è cosa buona e giusta averne molti. Il problema rischia di essere, come sempre, la difesa, vedremo se saranno migliorati.
Buffalo Bills: saranno quelli ottimi della prima parte di stagione scorsa o quelli crollati malamente nel prosieguo? Chissà, difficile saperlo ora.
New York Jets: come hanno intenzione di utilizzare Tebow Rex Ryan e il nuovo OC Tony Sparano? Intendo dire, quanta wildcat vedremo? Quante situazioni tattiche avrà studiato il duo per valorizzare le doti di corsa del loro nuovo quarterback? E soprattutto, Sanchez reggerà alla pressione di una concorrenza finalmente corposa nel suo ruolo, o giocherà male costringendo Rex a mettere Tebow come quarterback? Tutti quesiti super intriganti che troveranno risposta piuttosto presto
Miami Dolphins: Reggie Bush si è finalmente ambientato e quindi renderà al proprio meglio? L’inspiegabile affollamento a roster nel ruolo di quarterback porterà a qualcosa di decente? Anche qui, dovremmo capire come stanno le cose già dalle prime giornate.

Baltimore Ravens: le loro star difensive sembrano non essere più al top della forma. Quanto tutto ciò influirà sulla squadra nel complesso? In attaco dovrebbero comunque brillare, data la buona batteria di ricevitori e un Ray Rice che sembra una sicurezza in un momento in cui parecchi runningback teoricamente forti sembrano più delle incognite.
Cincinnati Bengals: l’anno scorso hanno ottenuto il massimo che potevano, se gente come Dalton e Green avrà la forza mentale per non farsi assalire dal sophomore slump ne vedremo delle belle.
Cleveland Browns: seri candidati a peggior squadra dell’anno.
Pittburgh Steelers: quasi tutti i nomi importanti al momento sono ben lontani dalla migliore condizione, chissà se la recupereranno in tempo. Non è facile che ci riescano.

Houston Texans: l’anno scorso hanno tenuto botta nonostante gli infortuni, certo che non erano in una division esattamente temibile. Teoricamente la concorrenza dovrebbe essersi rafforzata, ma se non ci saranno problemi, la squadra è completa e matura per volare in alto, molto in alto.
Jacksonville Jaguars: non dovrebbero correre per i playoff, ma nemmeno fare schifo come l’anno scorso, quantomeno perché Blaine Gabbert ha un anno di esperienza alle spalle e talenti come Drew e Lewis dovrebbero riuscire a farsi valere un po’ di più.
Tennessee Titans: se Chris Johnson tornerà sui suoi migliori livelli e se il quarterback titolare, che ancora non si sa chi sarà tra Hasselback e Lockert, saprà far girare al meglio una buona batteria di ricevitori, potrebbero essere la squadra più migliorata dalla scorsa stagione.
Indianapolis Colts: quanto è forte Andrew Luck? Quanta intesa riuscirà a creare con le star offensive di questa squadra? Le suddette star stanno ormai invecchiando o possono ancora dire la loro ad alto livello? Anche qui, sapremo presto.

Oakland Raiders: il talento non manca, e un quarterback esperto come Palmer dovrebbe farlo girare bene. Può essere l’anno buono del ritorno ai playoff.
San Diego Chargers: vedo una lenta, inesorabile discesa per loro.
Denver Broncos: come ho già spiegato, ritengo sbagliatissima la scelta di Manning, quindi pronostico una stagione deludente.
Kansas City Chefs: l’anno scorso falcidiati dagli infortuni, se quest’anno stanno bene possono competere altroché, e vedrete che Hillis si rivelerà un acquisto azzeccato.

Washington Redskins: vedi discorso Jaguars: non ancora da playoff ma nemmeno osceni come l’anno scorso.
Philadelphia Eagles: tanto talento a roster, l’anno scorso non hanno retto al peso delle aspettative, stavolta da loro ci siaspetta molto meno e invece può essere la volta buona.
Dallas Cowboys: anche qui, talento tanto, mica possono fare male come l’anno scorso, per forza saranno più forti, non ci posso pensare a un’altra stagione anonima con tutti quei giocatori forti.
New York Giants: i campioni hanno perso tre pedine importanti e non sembrano averle rimpiazzate a dovere, c’è un bel rischio di mancato accesso ai playoff per loro.

Chicago Bears: sarà vero che il cambio di offensive coordinator gioverà all’attacco? L’anno scorso, però, ciò che è sembrato mancare di più è stata la voglia di lottare in gruppo, tutti uniti, e quella non te la dà nessuna guida tecnica, ma devi trovarla dentro di te. Se la troveranno, attenzione.
Detroit Lions: hanno dimostrato che se stanno bene fisicamente possono competere con chiunque, quindi al netto di infortuni saranno un osso duro per tutti anchequest’anno.
Green Bay Packers: la difesa è la chiave di tuto, devono ritrovare la solidità di quando hanno vinto il Superbowl, non concedere ancora un sacco di punti a chiunque come l’anno scorso.
Minnesota Vikings: se anche Peterson si presentasse in forma al via, li vedo proprio male.

New Orleans Saints: non possono non pagare in qualche modo il casino del bounty program, non li vedo bene per niente a sto giro.
Tampa Bay Buccaneers: pare che il nuovo coach abbia un gioco piuttosto conservativo molto basato sulle corse, e pare anche che il runningback rookie che hanno preso sia molto forte e dovrebbe quindi formare una coppia temibile con Blount, molto funzionale a come il coach vuole giocare, quindi. Ma come si troverà Freeman in un sistema che non lo pone più al centro di tutto? Se riuscirà ad essere lucido e ordinato, la gente a cui passare la palla non manca, e i Bucs potranno essere una squadra non spettacolare ma concreta, tipo i 49ers l’anno scorso.
Carolina Panthers: tutto gira ovviamente attorno a Newton, gasato a mille dalla formidabile stagione da rookie ma con le difese che lo conoscono meglio. Se Cam sarà ancora inarrestabile, tutto può accadere.
Atlanta Falcons: sono sembrati in calo l’anno scorso e non sembra nemmeno che abbiano fatto nulla per invertire la tendenza.

San Francisco 49ers: gli analisti del sito NFL si aspettano da loro una regressione. Senz’altro ne capiscono più di me, ma visto che qui l’opinione che esprimo è la mia, io dico che sono i favoriti alla vittoria finale.
Arizona Cardinals: prevedo una stagione anonima, le solite buone statistiche di Fitzgerald, qualche lampo di Patrick Peterson, stop.
Seattle Seahawks: si sono ripresi nel finale di stagione scorsa, ma molto era dovuto a un Marshawn Lynch che ora rischia di essere sospeso perché ha combinato casini fuori dal campo. A compensazione della presunta perdita parziale del loro runningback forte, dovrebbero finalmente avere una quarterback di valore in Matt Flynn, anche se non si può mai essere certi di niente quando si affronta la propria prima stagione da titolare. Tra tutto, al 50% di vittorie ci dovrebbero arrivare, vedremo se basterà per i playoff.
St Louis Rams: bruttissima la scorsa stagione, ma gli infortuni li avevano colpiti pesantemente, in teoria dovrebbero quindi fare meglio, anche se non è che mi aspetti granché.

AFC

1. Patriots
2. Texans
3. Ravens
4. Raiders
5. Bengals
6. Chiefs

NFC

1. 49ers
2. Packers
3. Eagles
4. Buccaneers
5. Cowboys
6. Lions

PLAYOFF

Ravens – Chiefs –> Ravens
Raiders – Bengals –> Raiders
Eagles – Lions –> Eagles
Buccaneers – Cowboys –> Cowboys

Patriots – Raiders –> Patriots
Texans – Ravens –> Texans
49ers – Eagles –> 49ers
Packers – Cowboys –> Cowboys

Patriots – Texans –> Texans
49ers – Cowboys –> 49ers

Texans – 49ers –> 49ers

Annunci

Pubblicato il agosto 2, 2012, in Uncategorized con tag . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: