NFL preview 2014-2015

New England Patriots partivano già a un livello molto alto e hanno coperto alla grande le lacune in secondaria con l’arrivo di Revis e Browner, forse l’unica cosa in cui sono un minimo regrediti è il gioco di corsa ma comunque la squadra appare davvero difficile da affrontare, che Gronk giochi o no.

New York Jets anche loro appaiono migliorati nei loro punti deboli, cioè l’attacco: Eric Decker non ha mai giocato come un wide receiver primario ma non si vede perché non posa riuscire a farlo; Chris Johnson non è più CJ2K ma è ancora un signor runningback e può trarre giovamento dal gioco di Ryan; Geno Smith può contare su un anno di esperienza in più per non essere più GenoCoaster ma un quarterback davvero affidabile. In difesa, la front seven può anche essa contare su un anno di esperienza in più, dopo aver fatto faville già l’anno scorso, mentre la secondaria è più un’incognita e dipende molto dalla crescita di Milliner. In ogni caso io li vedo come una squadra da playoff

Miami Dolphins il grosso problema la scorsa stagione è stata la linea offensiva, si è cercato di migliorarla e anche di prendere Moreno per il gioco di corsa, in realtà gli acquisti non sembrano aver cambiato più di tanto le cose, quindi non ci sono molte aspettative

Buffalo Bills purtroppo l la mancanza per infortunio di Alonso rende la difesa molto meno forte, però in attacco se EJ Manuel gira la squadra può fare grandi cose, infatti non mancano le armi né dal punto di vista dei ricevitori, né nel gioco di corsa.

Baltimora Ravens Steve Smith dovrebbe dare un’arma in più a Flacco ma certamente se il gioco di corsa non tornerà a livelli almeno decenti sarà dura per loro e i problemi avuti da Ray Rice fuori dal campo non fanno sperare nulla di nuovo. La difesa sembra ok ma davvero se l’attacco deve riuscire a tenere palla per un tempo decente.

Cleveland Browns la difesa sta venendo su sempre meglio, purtroppo è l’attacco a non dare garanzie. Chiunque venga scelto come quarterback tra Hoyer e Manziel dà più dubbi che certeze, e poi non c’è letteralmente nessuno a cui passare la palla e neanche la batteria di runningback sembra così affidabile da puntare pesantemente sulle corse.

Cincinnati Bengals non servivano cambiamenti nel roster per essere ancora competitivi, ma serve un cambio di mentalità che porti i giocatori, soprattutto Dalton, a non perdere lucidità al momento dei playoff. Dai e dai prima o poi succederà, magari già quest’anno

Pittsburgh Steelers il processo di lento rinnovamento continua, l’anno scorso sembravano né carne né pesce poi però si sono risollevati e hanno sfiorato i playoff, quest’anno possono essere comunque in lotta, dipende se i rookie riusciranno subito a dare un contributo, sia in attacco che in difesa.

Indianapolis Colts anche loro senza cambiamenti importanti, non dovrebbero avere troppi problemi nella loro division e in generale appaiono inferiori solo alle due grandi corazzate nella conference.

Houston Texans un anno zero che porta la negatività dei mal di pancia di Andre Johnson, vedremo se riusciranno a sviluppare almeno uno dei giovani quarterback che hanno a roster e se in difesa il loro pass rush sarà letale come promette di essere.

Tennessee Titans più incognite che certezze, al momento sembrano una squadra incapace di staccarsi dalla parte alta della seconda metà della classifica. Certo, sarebbe importante che Jake Locker risca a passare un anno intero a giocare senza saltare troppe partite per infortunio, darebbe almeno la concreata speranza alla squadra di non dover cercare altri quarterback.

Jacksonville Jaguars il processo di ringiovanimento continua, un paio di scommesse pesanti in attacco che se pagano potrebbero segnare l’inizio della crescita per questa franchigia. Usare la scelta numero 3 del draft per un quarterback ancora dichiaratamente da svuiluppare come Bortles e puntare ttuto il proprio gioco di corsa su Toby Gerhart, infatti, significa comunque fare un discorso di prospettiva.

Denver Broncos l’unica perplessità e aver puntato così forte, in termini di importo dell’ingaggio, su un Talib che non è certo il re della continuità, per il resto sono diventati ancora più forti e sembrano decisamente i favoriti

San Diego Chargers rivelazione della passata stagione, in teoria dovrebbero essersi attestati sullo stesso livello quest’anno. Ma il loro arrivo ai playoff è stato aiutato anche da un po’ di fortuna, che di solito non si ripete per due anni di fila

Kansas City Chiefs l’anno scorso in molti, me compreso, hanno attribuito il loro expoit alla debolezza della loro schedule. Quest’ sarà l’anno della verità, io rimango scettico.

Oakland Raiders per migliorare rispetto agli ultimi squallidi anni hanno puntato sulla strada più semplice e non di prospettiva: un bel gruppo di veterani. Potrebbe pagare come scelta nell’immediato, perché si tratta di giocatori che hanno tuti tanta voglia di riscattarsi e far vedere che il loro contributo possono ancora darlo.

Philadelphia Eagles Chip Kelly ha convinto tutti, Nick Foles sembra ormai maturo per diventare uno dei 10 migliori quarterback della Lega, la perdita di DeSean Jackson si farà sentire ma non dovrebbe compromettere più di tanto la stagione, soprattutto visti i problemi di tutte le altre squadre della loro division.

Dallas Cowboys tra infortuni e giocatori che non è stato possibile trattenere per problemi di salary cap, la difesa appare notevolmente indebolita. In attacco, Romo sta cercando di recuperare ma per sua stessa ammissione deve lavorare molto più di prima per mantenere il suo edimento sugli abituali liveli. Se gli anni scorsi la squadra sembrava aver qualcosa in mano per arrivare ai playoff, stavolta tutti gli indizi portano a un’altra stagione senza soddisfazioni.

New York Giants non si capisce perché dovrebbero fare meglio della scorsa stagione, almeno sulla carta non c’è un solo motivo per immaginarsi un miglioramento. Odell Beckham, che dovrebbe dare una mano alla batteria di ricevitori, è già pieno di infortuni, i runningback non impressionano, la difesa neppure, se anche Eli Manning dovesse avere un anno migliore dello scorso (il che non è difficile), non sembra avere attorno a sé una squadra che possa arrivare a gennaio.

Washington Redskins i re del mercato, ma gli acquisti dai nomi altisonanti rendono davvero forte questa squadra o sono solo una raccolta di figurine? Io propendo per la seconda ipotesi: i giocatori in sé sono compatibili tra loro, ma sono guidati da un coaching staff inesperto e che finora si è trovato a guidare gente dalle caratteristiche opposte alle loro. Nell’NFL non si improvvisa niente e sarà quindi difficile che Gruden e il suo staff riescano, almeno da subito, a sfuttare al meglio le qualità di un attacco sulla carta esplosivo..

Green Bay Packers hanno tutto per rimanere competitivi, però attenzione, con ogni probabilità, questa division va vinta per andare ai playoff, e quest’anno non sarà così facile

Detroit Lions di loro si parla poco ma a me piace tantissimo come si sono rafforzati e per me sono loro i favoriti nella loro division e non solo. Certo, molto dipenderà dalla crescita di Stafford, ma quest’anno ha molte armi in più rispetto al passato e anche il gioco di corsa dovrebbe essere difficile da contenere, così come la difesa ha tuto per rendere la vita difficile agli avversari e soprattutto è arrivato un capo allenatore competente. Sembrerà un azzardo, ma io sento che possono arrivare a giocare sil Superbowl.

Chicago Bears competitivi anche loro ma vedo troppo meglio i Lions in quella division per immaginarmi che tornino ai playoff

Minnesota Vikings annata che serve soprattutto per far crescere i giovani presenti in squadra, se poi dovessero giocare bene fin da subito, potranno essere un’avversaria scomoda per molti, anche se difficilmente arriveranno ai playoff.

New Orleans Saints dopo il grande riscatto dell’anno scorso, ttuto sembra portare a un’annata da protagonisti. Lo sarà, però la lunga e logorante trattativa con Graham non può non lasciare un segno, storicamente trattative così non portano mai a niente di buono, anche se si concludono positivamente

Tampa Bay Buccaneers ottimo lavoro in offseason per migliorarsi sia in campo che soprattutto nel coahcing staff. Bella squadra, sarà difficile per tutti affrontarla, però nella division i Saints sembrano superiori.

Atlanta Falcons sinceramente, non ho mai capito perché l’anno scorso siano andati così male, quindi credo che abbiano fatto bene a non stravolgere la squadra, al netto della mancanza di Gonzalez, e credo che quest’anno risaliranno, anche se non abbastanza da arrivare ai playoff.

Carolina Panthers purtroppo al mio idolo Cam Newton hanno tolto la maggior parte delle persone a cui passava la palla e ora in difesa c’è la grana Hardy che potrebbe non giocare per i suoi problemi con la giustizia. Non c’è da stare allegri.

Seattle Seahawks qualche ritocco che dovrebbe aver lasciato inalterata la forza dei campioni, che anche qui secondo me pagheranno in qualche modo il malcontento di Lynch per la paga che prende, a suo dire troppo bassa.

Arizona Cardinals: tutti i punti di forza della scorsa stagione sono rimasti inalterati e quindi la squadra è in piena corsa per i playoff.

St. Luois Rams siamo ancora qui a cercare di capire se Bradford possa sbocciare in un vero campione o no, già il fatto che ci sia ancora il dilemma non depone certo a favore delle speranze della squadra, nonostante l’ottima difesa, in particolare al front seven.

San Francisco 49ers ottima campagna acquisti, qualcosina in difesa han perso ma in attacco sono molto più versatili e hanno un roster più ampio. Anche qui, il malcontento di Davis, sempre per motivi economici, un segno lo lascerà

Broncos
Patriots
Colts
Bengals
Jets
Raiders

Seahawks
Lions
Eagles
Saints
49ers
Cardinals

Colts – Raiders: Colts
Bengals – Jets: Jets
Eagles – Cardinals: Eagles
Saints – 49ers: 49ers

Broncos – Jets: Broncos
Patriots – Colts: Patriots
Seahawks – 49ers: 49ers
Lions – Eagles: Lions

Broncos – Patriots: Broncos
Lions – 49ers: Lions

Broncos – Lions: Broncos

Annunci

Pubblicato il agosto 4, 2014 su Uncategorized. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: