Interview: Tim Burgess (English version)

Tim Burgess just released his fifth solo album I Love The New Sky, and I had the big honour to interview him over the phone for my friends at Indie For Bunnies. Here is the English version of the interview, the Italian version is here.

My first question is about your new album. When I listen to it, I notice a lot of variety between the different songs, but then, every time you make a solo record there is this variety.
Every solo record I do is different, I’m interested in all kinds of music, I don’t just like a certain type of music so I think I’m interested in searching for what actually makes Tim Burgess, so the variety aspect means that I can go and write and record with Peter Gordon, or Kurt Wagner, or The Charlatans and I’m kind of documenting my taste as I go along, so instead of just trying these things out and not releasing them. I just released them. Now I think I found who I am in some ways, I think in some ways this album is quite related to “As I Was Now”, which was written 10 years ago, but only came out two years ago and those songs were a bit more basic, while these are more elaborate in places and I think I feel like I’m comfortable with this sound now.

You explained very well the process of the songwriting: you immersed yourself in the atmosphere of Norfolk and started with the guitar, the melodies came and then lyrics came so it’s very well structured. Is the process always so structured when you’re writing songs, for your solo production and for The Charlatans?
I’ve lived in Norfolk for 8 years, and my son Morgan is 7 and in the last 8 years I’ve done this in a lot of ways. The collaboration aspect extends from writing for Peter Gordon, I would write here and then send him to New York, and with The Charlatans I write here and then share ideas with them, sometimes it’s fully structured likes it like a solo record, and lots of the time they’re not because everybody in The Charlatans has to get involved in the songs. And with the Kurt Wagner album too I sent him things and he sent lyrics back. It’s something that works for me alone and sharing the early or completing it which is what I did this time really.

Actually, according to the press release, there was a lot of collaboration in building the sound of the album because you worked very closely with the other musicians who played in the record.
When I was replying to your previous question, I was only talking about the songwiting and the lyrics. In the studio it becomes a different thing so there’s very much collaboration with all the musicians that played on “I Love The New Sky”, also with Jim Spencer, even though he was supposedly only really engineering and mixing, part of his mixing process was adding other instruments… Daniel O’Sullivan, who produced the album and wrote the arrangements for strings, he played lots of instruments on the album. So it was very much like “here’s the songs, let’s find really suitable musicians who understand my aesthetics for this album” which was very much California sound but also a very home counties UK sound as well with lots of the Velvet Underground in between.

I read your memoir years ago, when it was released, I actually bought it when I came to see you solo in the Bologna I don’t know if you remember.
Yes! It was with Mark, right?

I think it was with him and the drummer from Hatcham Social.
Yes, Finnigan, Finnigan Kidd.

I was really impressed reading that, to make “Wonderland”, you moved to Los Angeles with Mark to soak up the atmosphere of the city. So, is it the first time since that you get some California inspiration, or did you get other times?
When I close my eyes and I think of somewhere beautiful. I often think, especially when it’s cold in England, of California and then I strum some chords on the guitar, and if it makes me happy, I use it as the first chords of a song.

I don’t think you remember because you do many interviews, but I already interviewed you for “Who We Touch” by email, so it was more than 10 years ago. I asked you how was the collaboration with the other members of the band, and you said there was just some contribution by Mark and Tony and then things were mostly done by you, so, based on what you said, maybe now it was more a band work than 10 years ago, for the last couple of albums?
Well, “Modern Nature”, that I would say it’s my favourite Charlatans album, that was very much like a group effort.

Probably you were saddened by Jon’s loss and so you felt like re-grouping together to do something together.
We totally re-connected as a band, I think we had become kind of quite separate as individuals, I was still living in Los Angeles, Mark was just about to move to London, Tony lived in Ireland, … We were getting on OK, but, after Jon’s death, it kind of brought us all back together again. We’ve been trying to write a new album for 5 years when Jon was alive, but he found it very difficult to be in the studio, or to rehearse, to play drums, so we couldn’t really do anything. But after the celebration, the concert that celebrated Jon’s life, about a week later we all got together at the studio, took off our coats, sat down and said “wow, what have we just been through”, so we tried and do some music, it’s very emotional to talk about it now, we put microphones in the middle of the room and started putting ideas down and obviously a couple of us had some songs, but definitely the 80% of the whole album was born from that stuff.

When “Modern Nature” was actually released, I found it very intense and I guess that us, long-term fans, were very hit and struck by it.
It’s really great. Obviuosly “Wonderland”, “Tellin’ Stories” and “Some Friendly” have their spots, but “Modern Nature” was a kind of comeback with a huge amount of finesse.

The last couple of album are very related to each other, and they’re related to a very specific moment in your life, so maybe when you do music together again, you’ll do something different.
“Different Days” came quite quickly after “Modern Nature”, there are a lot of songs that were almost included in “Modern Nature” and I think that we had 5 years when we didn’t really do anything, mostly because of Jon’s illness, and then but three years where we did two albums, where there are kind of every songs that we had. Then, there were Mark and Tony having children. We spoke two weeks ago, and we scheduled another Skype meeting because of the “Some Friendly” 30th anniversary, we have an unreleased demo of “The Only One I Know” to put on Spotify, then my album is coming out on May 22nd, they all like the album and Mark played on it.

Going back to this new album, I think that of course you will you work with a lot of care in every aspect of the sound building, but the grooves and the harmonies are something that really stand out.
I just liked the idea of many many people singing, I’m the singer but when I was writing the song, the chords that were chosen for each track allowed many many voices to work in and it just allows for an amazing build on vocals. I just loved the idea of Dexys Midnight Runners’ lots of singing, or The Beach Boys, I just had that idea in mind.

There are already 3 videos released before the album is out, I think it’s a new for you.
I wanted to do a video for “Empathy For The Devil” with these guys called abcdcd. They loved the idea I gave them and wanted to make a video for that and I was thrilled with that. But then, my friend Susan, who is a director and an actor, offered me to make a video for “The Mall”, which was fantastic to me, and then I thought there was something more needed and the video for “Laurie” was made during the lockdown, to show where the world is right now, I wanted to make this video so we could always remember this period of time where we’re living now. Nik Void, who lives in this house with me and Morgan, filmed me and sent the footage to another friend who made all the illustrations.

You always showed a lot of love for record shops and for the physical format, your Tim Book Two is about going around the world looking for records, but then, do you think, as some people do, that, consequently, the streaming service is bad, or do you like also listening to music by streaming it?
I listen to music on any format really. I love the physical format because I always loved the connection and I think that if you hold the record, you actually holding a part of something that someone’s made since like holding a sculpture or a chair or something like that. It’s a better appreciation of the music and the artistry involved in making that record, but I like to listen to music when I travel, with headphones, or at the gym and that’s always an MP3 or is streaming, I like to listen to music in the tube, and that’s on my iPod, very old school, and CDs I don’t mind as well. I listen to anything.

Thank you, it was a great feeling talking to you, and congratulations for your Twitter listening parties, they’re amazing.
Thank you Stefano it was lovely talking to you.

NFL 2019 preview

New England Patriots: ancora loro, sempre loro, impossibile non tenerli in considerazione quando si parla di contender. Hanno perso Gronk, hanno poca profondità nel corpo ricevitori, hanno bisogno che alcune scommesse si trasformino in solide realtà, ma la verità è che finché ci saranno Brady e Belichick, la squadra sarà sempre tra le migliori.

New York Jets: dopo gli anni di ricostruzione pura, sono stati aggiunti campioni affermatissimi al gruppone di giovani e quindi ci si aspetta di raccogliere un po’ di quanto seminato nelle stagioni scorse, anche in virtù di un nuovo head coach che è stato mandato via dalla precedente squadra senza un vero perché e che, sulla carta, ha tutto per fare bene. Certo, le voci insistenti secondo cui il roster è stato fatto dal GM poi licenziato e non dal coach, che avrebbe speso i soldi in modo diverso, rendono difficile pronosticare una buona stagione, però diciamo che sul 50% di vittorie ci dovrebbero arrivare.

Miami Dolphins: mandato via un coach offensive minded per uno defensive minded alla prima esperienza, mandato via anche il QB titolare degli ultimi anni, sostituito da una competizione in corso tra un giovane e un veterano, i Dolphins sembrano ancora a metà del guado, non una squadra terribile ma nemmeno una che possa legittimamente aspirare ai playoff.

Buffalo Bills: scelta di tendenza tra gli esperti per la squadra rivelazione, io ci andrei cauto, e dico che è vero che hanno un’ottima difesa, ma i punti poi bisogna anche segnarli, e non vedo sostanziali miglioramenti nell’attacco, soprattutto in una linea offensiva che costringerà il povero Josh Allen a lottare per la sopravvivenza a ogni snap o quasi.

Baltimore Ravens: primo anno post Flacco e post Ozzie Newsome, si è puntato a ringiovanire, per cui nell’immediato non è facile immaginare che possano accedere ai playoff, ma questa stagione servirà per capire se si sta andando nella direzione giusta. L’aspetto più interessante è dato dall’ idea, che, sulla carta, dovrebbero puntare tantissimo sulle corse, ovvero andare in controtendenza rispetto all’NFL di oggi.

Pittsburgh Steelers: dopo le guerre di potere in spogliatoio della scorsa stagione, la proprietà ha mandato un messaggio forte e chiaro: Big Ben è il leader indiscusso, si fa come dice lui e se non gli piaci ti può insultare pubblicamente e ha ragione lui. Non esattamente il miglior modo per attirare a sé o tenere con sé giocatori di personalità, infatti Brown e Bell se ne sono andati, ma JuJu e Conner possono benissimo sostituirli senza creare alcun problema di rapporti umani (nel senso che accettano di buon grado la leadership di Roethlisberger). È una gestione un po’ controcorrente per la NFL di oggi così piena di ego, ma magari è la scelta giusta, chissà.

Cleveland Browns: la squadra più attesa della stagione, dopo aver mosso mari e monti e aggiunto nomi pesantissimi al roster, che si uniscono a giovani già comunque dotati di una buona dose di esperienza e talento. Sulla carta è davvero un roster esplosivo il loro, poi ovviamente è sempre difficile pensare che di colpo una squadra scarsa diventi forte solo coi nomi. Vedremo.

Cincinnati Bengals: basterà il cambio di head coach, in assenza di aggiunte importanti al roster, per far cambiare mentalità a questa squadra e renderla un po’ più tranquilla nei momenti clou, invece di farsi fregare dall’ansia che si traduce in penalità idiote e errori quantomeno evitabili? Chissà, secondo me ci voleva un coach di esperienza, e non uno che non l’ha mai fatto.

Indianapolis Colts: dopo l’ottima stagione scorsa, le aspettative sono alte, ma dipende comunque tutto dalle condizioni fisiche di Luck, che non sembra essere messo benissimo al momento. Se non dovesse essere a posto, la faccenda si fa molto complicata.

Houston Texans: il licenziamento improvviso del GM non ancora sostituito e i mal di pancia contrattuali di Clowney fanno capire che il clima non è serenissimo in quel di Houston. In teoria, come nomi, la squadra è competitiva, ma se l’ambiente è davvero così tossico come sembra, non sarà facile.

Jacksonville Jaguars: finalmente hanno capito che Bortles è stata una scommessa persa e hanno messo Foles al suo posto, certo non un mostro di continuità, però quel Super Bowl vinto da eroe ce lo ricordiamo tutti. E quindi, cosa succederà? In teoria un miglioramento che poterà la squadra ai playoff, ma le incognite comunque non mancano.

Tennessee Titans: l’anno scorso dovevano semplicemente essere sicuri di poter competere, e ci sono riusciti, ora però è il momento di capitalizzare e vincere partite. Più facile dirlo che farlo, ma in una division così incerta, loro sono la squadra per la quale si può essere più sicuri di un livello minimo di rendimento e non vanno sottovalutati.

Kansas City Chiefs: arrivati a un passo dal Super Bowl l’anno scorso, non si vede perché non debbano fare almeno lo stesso risultato quest’anno. Anche se non c’è più Hunt, le armi offensive a disposizione sono davvero tante; forse hanno perso qualcosa in difesa, ma tanto loro giocano a chi segna di più e possono benissimo farlo anche in questa stagione.

Oakland Raiders: dopo un primo anno interlocutorio, Gruden qualcosa deve farla vedere, infatti ha aggiunto Brown perché comunque i campioni ci vogliono, il problema è che l’ex Steelers ha un carattere sempre più difficile, invece di maturare con l’esperienza, così il rischio è che in spogliatoio non ci sia certo il clima giusto per via degli scontri di personalità. Per il resto, questo è il primo draft in cui la presenza di Mayock come GM e l’alto numero di scelte a disposizione dovrebbe dare frutti importanti, vedremo.

Los Angeles Chargers: l’anno scorso non mi fidavo e mi hanno dato torto, quest’anno ugualmente non mi fido e, forse anche per via della grossa disputa contrattuale con Gordon, magari stavolta ho ragione

Denver Broncos: il nuovo head coach sembra buono, l’arrivo di Flacco garantisce esperienza dopo anni di incertezze nel ruolo di QB, ma per il resto le incognite sono molte e l’impressione è che la squadra sia composta da un’ampia serie di solisti senza molta idea del concetto di squadra.

Dallas Cowboys: difficile immaginare cosa potranno fare senza sapere come andranno a finire le negoziazioni contrattuali per Prescott, Cooper e, soprattutto, Elliott. Se loro tre ci fossero e potessero giocare tranquilli per via di nuovi contratti firmati, la squadra è la favorita per vincere la division grazie alle stesse armi dell’anno scorso, ovvero il citato trio offensivo, una buona OL e una difesa giovane ma già ben rodata.

New York Giants: tre pezzi pregiati persi nella offseason e la scelta più alta usata per un QB che di certo non rimpiazzerà Eli ora, ma probabilmente tra un paio d’anni, fanno capire che è stato attivato il rebuilding mode, quindi i tifosi della Big Blue si dovranno probabilmente preparare a una stagione avara di soddisfazioni.

Washington Redskins: Snyder se non strapaga almeno un giocatore di nome all’anno non è felice, e quest’anno è toccato a Collins, fortissimo sicuramente, ma troppo spesso i Redskins hanno mostrato gravi pecche dal punto di vista del valutare i giocatori non in sé, ma per come possano essere funzionali a ciò che seve alla squadra. Certo, se lui e Norman dovessero trovare la chimica, auguri a chiunque tenterà di lanciare nel profondo contro di loro. Dal lato offensivo, resta l’incognita QB (Haskins scelto al draft per essere subito titolare non sembra ancora pronto e quindi si dovrà quantomeno cominciare la stagione con Colt McCoy), e poi è difficile prevedere quando abbia ancora da dare Peterson e quanto verrà limitato Reed dalla cronica tendenza a infortunarsi. Insomma, ci sono molte più domande che risposte.

Philadelphia Eagles: Foles è andato, e se Wentz si infortunerà ancora, come ha fatto l’anno scorso e pure quello prima, sarà un gran casino. Per il resto, bello il ritorno di DJax nella squadra che ha sempre sentito sua, lo sprint per rivitalizzare l’attacco dovrebbe ancora averlo. La difesa è la stessa dell’anno scorso, quindi solida, insomma, come per un’altra manciata di squadre, dipende moltissimo dalla salute del QB titolare.

Chicago Bears: gli ingredienti per dare continuità al successo dell’anno scorso ci sono tutti, visto che la squadra è rimasta la stessa e sembra che il RB che è stato preso al draft sia molto buono. Certo, Trubisky deve migliorare (e secondo il suo coach lo sta facendo), e, soprattutto, servirebbe un kicker affidabile per evitare complessi psicologici in seguito ai problemi dell’anno scorso. In ogni caso, le aspettative sono molto alte.

Green Bay Packers: dopo anni di “McCarty è un sopravvalutato perché con uno come Rodgers vincere un solo SB è un delitto”, potremo capire se la presenza di un head coach dalla mentalità offensiva e dalle ottime idee potrà rivitalizzare la franchigia. Io sono dell’idea che sarebbe servito un uomo di esperienza e polso e non uno che l’head coach non l’ha mai fatto, perché se poi le cose non vanno bene, Rodgers se lo mangia a colazione e la franchigia deve ricominciare da capo. Certo, se invece le cose dovessero funzionare, attenzione al Packers perché la difesa sembra davvero ottima e, quindi, se anche l’attacco dovesse produrre, auguri a tutti.

Minnesota Vikings: come per Colts e Eagles, dipende tutto da una sola persona, ovvero il QB titolare, che i suoi 84 milioni garantiti se li è voluti e ora deve saper affrontare anche gli oneri del contrattone. La OL è un colabrodo e non lo protegge? Il gioco di corsa non gli toglie molta pressione? Vero, ma, ripeto, con 84M garantiti tu devi produrre, o se no sei un fallito, e se non ti sta bene, la prossima volta evita di pretendere quel contratto. La difesa è la stessa dell’anno scorso, ovvero fatta da gente di esperienza e magari servirebbe un’iniezione di gioventù, visto che l’atletismo inizia a latitare.

Detroit Lions: ed ecco la quarta squadra QB1 dipendente: i risultati arriveranno in base a come giocherà Stafford, né più, né meno. Certo, se Kerryon Johnson dovesse essere in grado di ripartire dalla buona stagione da rookie e costruire un gioco di corsa affidabile, l’attacco ne trarrebbe giovamento. La difesa anche dovrebbe essere affidabile, quindi la stagione si decide sulle prestazioni di Stafford.

Carolina Panthers: un’altra aggiunta alla lista di cui sopra: l’anno scorso, con Newton sano, erano 6-2, mentre appena si è infortunato, è scesa la notte. Cam dovrebbe riuscire a essere pronto ora, e io gongolo perché finalmente vedrò dal vivo il mio idolo a Londra, e per il resto ci si aspetta una difesa un po’ più presente sul pass rush e una OL che protegga Cam un minimo di più (ma neanche troppo, in realtà) rispetto all’anno scorso. Se tutto va bene, i Panthers possono sognare in grande.

New Orleans Saints: si sono convinti che l’anno scorso non hanno vinto tutto solo per colpa di un’ingiustizia arbitrale, e così si ripresentano più o meno come la stagione passata (l’unica differenza sostanziale è la perdita di Mark Ingram), e con il fantastico Micheal Thomas che ha già firmato il contrattone che lo farà giocare tranquillo. Che dire, come per i Chiefs sopra, sembra difficile immaginarsi che possano far peggio dell’anno scorso, quindi dovremmo trovarli a competere fino alla fine o quasi.

Atlanta Falcons: tartassati dagli infortuni la scorsa stagione, hanno avuto il sangue freddo di non fare rivoluzioni, se non il cambio dell’offensive coordinator, chiaramente inadatto. Il potenziale da entrambi i lati del campo è pressoché infinito, sta al coaching staff dirigere bene i giocatori e sperare che la sorte sia più clemente.

Tampa Bay Buccaneers: se nemmeno Arians riesce a far esprimere Winston al meglio, si dovrà dichiarare il fallimento della scommessa e ricominciare da capo. In realtà, i problemi dell’anno scorso sembrano ancora essere quasi tutti lì, e col quasi intendo dire che il linebacker preso al draft dovrebbe sistemare un po’ la difesa, mentre in attacco continua a mancare un gioco di corsa e un po’ di profondità nei wide receiver.

Los Angeles Rams: anche loro non hanno variazioni sostanziali al roster da Super Bowl dell’anno scorso, ma aleggia un po’ di dubbio, legato alla condizione del ginocchio di Gurley, perché c’è poco da fare, se lui non è a posto, l’attacco non può essere lo stesso dell’anno scorso. In difesa hanno perso Suh ma dovrebbero cavarsela lo stesso, solo per il fatto di avere quell’iradiddio di Donald.

Seattle Seahawks: hanno perso gente come Baldwin, Earl Thomas e Micheal Bennett, ma in attacco, se Carson è davvero sano, saranno comunque pericolosi, e in difesa, beh, sembrava già l’anno scorso che dovessero pagare, e invece hanno giocato bene, per cui non sottovaluto mai la capacità da parte di Carroll di mettere insieme un’unità difensiva di tutto rispetto.

San Francisco 49ers: massacrati anche loro dagli infortuni, ci si immagina che possano essere più competitivi, però è finito il tempo delle scuse e del diritto ad aspettare, per tutti, soprattutto per Shanahan e Garoppolo, perché se si fallisce, sarà evidente che il primo non è un buon head coach e il secondo non è un buon QB, e bisognerà rifare tutto da capo. In teoria le armi ci sono, soprattutto in difesa, mentre in attacco resta qualche punto di domanda, ma davvero, o si produce o si muore.

Arizona Cardinals: un head coach che non ha mai allenato in NFL a nessun livello e non è mai stato HC nemmeno al college, e un QB che ha un solo modo di giocare, visto il fisico limitato. Le sorti della franchigia sono in mano a questi due uomini, e se falliscono, altra ricostruzione totale. Intanto in attacco c’è un certo David Johnson da sfruttare bene, mentre in difesa qualche incognita c’è, ma davvero, la stagione sta tutta in come Kingsbury e Murray sapranno almeno dimostrare di essere materiale da NFL.

Super Bowl 2019: chi sputa merda su questa partita, non ama il football

La scorsa notte, come ogni domenica del primo weekend di febbraio, c’è stato il Super Bowl. Il risultato è stato 13-3 per i Patriots sui Rams, e in tantissimi si sono affrettati a definirlo il peggior Super Bowl di sempre. Certo, pochi punti segnati = partita brutta. No?

No.

Persino la CNN ci ha tenuto a far sapere il proprio disappunto (se non poi dire nelle editor’s notes che le opinioni di chi ha scritto l’articolo sono solo le sue personsli, e certo, come no, come se bastasse a giustificare la pubblicazione di un becero esempio di giornalismo moderno, che mescola in modo insensato discorsi da bar e non si addentra minimamente nell’analisi della partita). E in generale, i commenti letti oggi vanno in una sola direzione: peggior partita di sempre, peggior intrattenimento di sempre, una merda totale. Bene ragazzi, voglio dirvi una cosa col cuore in mano:

non amate il football

E non c’è niente di male eh, io non amo il rugby e la pallavolo, quindi non ho niente contro chi non ama il football. Ditelo però, o almeno ammettetelo a voi stessi. Lasciate perdere, non dico di guardare le partite, che ognuno col proprio tempo fa quello che vuole, ma almeno di scrivere pubblicamente. Parlatene pure coi vostri amici che si credono amanti del football senza esserlo come voi, ma davvero, evitate di impestare l’internet con le stronzate che avete scritto.

Qui di seguito, cercherò di confutare i tre punti principali di disappunto espressi da questi pseudo amanti di questo gioco meraviglioso:

Il punteggio più basso della storia del Super Bowl: ora, non verrò qui a fare il football snob, a fare quello che “è meglio vedere due grandi difese che attacchi che segnano sempre”. Nossignore, perché la partita dura oltre tre ore, e sul momento è più che comprensibile il disappunto nel non vedere punti sul tabellone. Però il giorno dopo, l’appassionato di football si sveglia, ci pensa e conclude che comunque deve essere contento per aver assistito a una dimostrazione di abilità nell’allenare che rimarrà negli annali. Bill Belichick ha saputo fare quello che nessuno ha anche solo minimamente ottenuto nei due anni (DUE ANNI) da head coach di Sean McVay: ridicolizzargli la linea offensiva in modo da impedire il gioco di corsa e far sì che Goff fosse sempre a disagio nel lanciare. Quello che ha fatto la difesa di Bill è roba grossa, grossissima, e il vero appassionato avrebbe voglia di rivederla questa performance, di capire come Bill sia stato in grado di ottenere questo risultato che sembrava inimmaginabile. E dall’altra parte, anche la difesa dei Rams, vituperata per tutta la stagione, ha affrontato ottimamente un attacco che, nelle partite precedenti dei playoff, aveva imposto la propria legge in modo spietato, mentre qui ha dovuto aspettare che la difesa si stancasse per i troppi minuti in campo. Ripeto, sul moento è una rottura di cazzo, non ho problemi a dirlo, ma il bello di questo gioco è il poter ammirare il genio tattico e la perfetta esecuzione anche wuando il punteggio è così basso.

Se ci fossero stati i Saints: questa mi fa letteralmente salire il sangue alla testa. I Saints NON C’ERANO perché hanno PERSO contro i Rams, chi perde sta a casa e chi vince gioca la partita successiva. “Ma hanno perso per colpa della chiamata sbagliata”, nossignori, hanno non vinto per colpa di quella chiamata, ma non è stata questa ad aver decretato la loro sconfitta. Infatti i Saints hanno avuto ben tre (TRE) drive, due difensivi e uno offensivo, per vincere la partita. Non l’hanno fatto, bastava un drive buono su tre, non era un drive buono oppure a casa, dopo il primo drive non buono ne hanno avuto un secondo, e dopo il secondo, un terzo. Ma facciamolo il giochino del se ci fossero stati i (cazzo di) Saints. Cos’avrebbero messo in campo di diverso dai Rams? Un QB migliore? Suvvia, è da fine novembre che Brees è in evidente calo, e così come Goff ha lanciato l’intercetto decisivo per la troppa fretta, lo stesso ha fatto lui proprio contro i Rams. Una OL che avrebbe meglio protetto il QB e/o avrebbe permesso ai RB di correre? Se andate a guardare i premi assegnati la sera prima della partita, la OL dei Rams è stata premiata come la migliore della stagione, quindi è difficile immaginare che un’altra avrebbe potuto fare meglio di quella che è stata ritenuta la migliore. Una difesa che avrebbe messo più in difficoltà l’attacco dei Pats? Come no, più in difficoltà di chi ha permesso loro sono 13 punti, di cui 10 nell’ultimo quarto, più in difficoltà di così come poteva fare? I Saints, in difesa, hanno le stesse caratterisriche di Chargers e Chiefs, ovvero le due squadre messe sotto dall’attacco dei Patriots per buona parte della partita in questi playoff: perché avrebbe dovuto succedere quqlcosa di diverso al Super Bowl? Era la difesa dei Rams a essere più difficile da affrontare per i Patriots, e lo si è visto eccome.

L’halftime show ha fatto schifo: qui non posso parlare perché non mi interessava e non l’ho visto, però cerchiamo di contestualizzare un attimo. L’NFL sta facendo fatica a mantenere sui livelli consueti questa tradizione per diversi motivi, e non tutti sono per colpa sua. Sicuramente il problema degli artisti che rifiutano di partecipare per colpa delle posizioni poco chiare in termin idi razzismo esiste, ma l’impressione è che in alcuni casi questi stessi artisti ci marcino sopra e dicano di no non per reale convinzione. Un esempio? Cardi B aveva detto no, però poi è apparsa sulla pubblicità della Pepsi andata in onda proprio durante il Super Bowl (ricordo che gli spot sono fatti apposta, quindi quando uno li fa, lo sa che andranno in onda in quell’occasione). Spot pubblicitario della Pepsi sì, e halftime show, sempre sponsorizzato dalla Pepsi, no? Quanta coerenza! Poi, il problma è sicuramente più strutturale nell’ambito della musica pop: i live act capaci di unire musica e parte visiva in modo tale da impressionare quel tipo di pubblico in quel contesto sono ormai spariti, e chi potrebbe ancora dire la sua in quell’ambito h già performato, oppure non ha abbastanza popolarità. Si è tanto parlato del no di Rihanna, però ricordo a tutti che il parere unanime di chi l’ha vista dal vivo recentemente è che faccia cagare, per cui di cosa parliamo? Avrebbe lei risollevato le sorti dell’halftime show? Dubito molto. In ogni caso, è un discorso molto più ampio rispetto sia alla singola performance, che ai motivi per cui c’è sempre meno scelta per l’NFL, quindi utilizzare questa rgomentazione per denigrare la serata è indice come minimo di scarsa prospettiva nell’analisi.

Insomma, ho sbuffato anche io ieri notte, mi sono infastidito per i continui punt, però la reazione del momento ci sta, ma i commenti del giorno dopo così no. Speriamo sicuramente che l’anno prossimo lo spettacolo sia più godibile, ma speriamo anche che chi non ama davvero il football la smetta di esprimere opinioni a vanvera. Anche perché, onestamente, la stagione è stata la migliore delle ultime 3-4, e io sarei più che contento di viverne un’altra così, anche se con un finale meno memorabile di altri.

NFL monthly review: novembre 2018

AFC EAST
New England Patriots (8-3) andava tutto bene, poi la brutta sconfitta coi Titans e l’aver sofferto più del dovuto per battere i Jets hanno messo un po’ di dubbi sull’effettivo valore della squadra. Da parte mia, non li do per morti finché non sono morti e sepolti.
Miami Dolphins (5-6) proseguono nella loro marcia da onesta squadra che ha delle cose che funzionano e delle altre che funzionano meno, purtroppo partire da un punto come questo rende paradossalmente la risalita più difficile, perché semplicemente non sai quali siano le vere priorità da sistemare. La storia insegna che, quando sei a questo livello, ci rimani impantanato per anni.
Buffalo Bills (4-7) alternano prestazioni in cui non scendono praticamente in campo ad altre nelle quali mettono tutto l’orgoglio del mondo. Con tutto ciò di negativo che ci hanno fatto vedere, sono comunque a 4 vittorie, sembra davvero assurdo.
New York Jets (3-8) come l’anno scorso, per un po’ ci hanno provato, poi hanno visto che tanto non ce la facevano e si sono lasciati andare. Colpa dei giocatori che non ci credono o del coach che non li motiva? Probabilmente è la seconda, e i giorni di Bowles sono ormai contati.

AFC NORTH
Pittsburgh Steelers (7-3-1) andava tutto bene, poi hanno perso contro i Broncos che di certo non sono irresistibili. La storia di Tomilin come capo allenatore è comunque piena di queste sconfitte sorprendenti, per cui non lancerei alcun allarme e li vedrei bene per vincere la division e dare fastidio a tutti ai playoff
Baltimore Ravens (6-5) Lamar Jackson ha portato quella vitalità che ci voleva? Solo tra almeno un altro paio di partite sapremo la risposta, ma sembra proprio di sì, il che è un bene non solo per questa stagione, ma soprattutto per il futuro (Flaco farà bene a iniziare a parlare con squadre che cercano un QB veterano).
Cincinnati Bengals (5-6) gli infortuni non hanno aiutato, ma l’aver perso così malamente coi Browns potrebbe essere un segnale che i giocatori hanno mollato, e che sia finalmente ora di cambiare coach.
Cleveland Browns (4-6-1) il problema era davvero Jackson? Io ci andrei piano, non è che queste due partite le abbiano vinte contro delle superpotenze, le prossime due sono contro Texans e Panthers, lì si vedrà di che pasta sono fatti.

AFC SOUTH
Houston Texans (8-3) il mese scorso dicevo che non erano i brocchi che avevano perso tre partite di fila, però adesso va anche detto che ci andrei cauto a indicarli come uno squadrone per averne vinte otto. Visto che a sto giro mi diverto a conteggiare i record combinati di chi vince in striscia, quello delle avversarie battute dai Texans è di 40-48, quindi non ridicolo come quello delle avversarie di Colts e Chargers, ma comunque perdente. Certo, se, come sembra, la difesa è in salute e il bilanciamento tra corse e passaggi è stato trovato, ai playoff non saranno certo da prendere sottogamba.
Indianapolis Colts (6-5) 5 vittorie di fila parlano da sole, ma anche qui stiamo calmi, il record combinato delle 5 avversarie battute è di 19-35, quindi davvero, valutiamo anche un po’ questo. Di certo Luck è ben protetto e sta lanciando bene, di certo il gioco di corsa può dare una mano se serve, di certo c’è una bella mentalità portata da Frank Reich al debutto da head coach, però aspettiamo le due partite contro Texans e Cowboys e poi ne riparliamo.
Tennessee Titans (5-6) altalenanti come tutte le squadre che affrontano un processo di crescita, ma io continuo a ritenere che Vrabel meriti almeno tre anni di fiducia e che, se gli verrà data, porterà risultati. La convincente vittoria contro i Patriots è già un segnale che il percorso intrapreso è giusto.
Jacksonville Jaguars (3-8) la caduta libera è sempre più inarrestabile, e secondo me ci sta anche che tutte le squadre si impegnino particolarmente contro di loro per le spacconate lanciate di qua e di là da alcuni giocatori e per le lodi ingiustificate dei media, magari non c’entra niente, ma magari Ramsey e soci impareranno a stare un po’ zitti e far parlare il campo, ma no dopo un anno andato bene, ma dopo diversi, se mai li avranno.

AFC WEST
Kansas City Chiefs (9-2) siamo alle solite, attacco spettacolare e difesa che non tiene, sicuramente è sempre divertente vedere una partita in cui ci sono loro, e OK che la difesa vince le partite, ma con un attacco così aspettarsi che arrivino al Championship è il minimo.
Los Angeles Chargers (8-3) io non riesco a levarmi lo scetticismo nei confronti di questa squadra, sarò sicuramente io prevenuto, ma non mi danno l’impressione di poter competere coi più forti. Il record combinato delle 8 squadre che hanno battuto è di 27-59-1, quello delle tre contro cui hanno perso è di 24-9. Chiedo troppo se li voglio vedere contro una squadra fata un po’ bene prima di fidarmi di loro?
Denver Broncos (5-6) andava tutto bene, poi tutto male, e ora tutto bene, almeno a giudicare dalle vittorie, in realtà come gioco non sono molto convincenti, però avrebbero potuto mollare per convincere la società a rimpiazzare il coach, e invece si sono compattati e stanno giocando probabilmente anche per lui. Certo il rischio è quello di finire nel livello di mezzo, come i Dolphins più sopra, e di non uscirne per un sacco di tempo.
Oakland Raiders (2-9) stagione andata da tempo e analisi su di loro inutili, aspettiamo e vediamo cosa se ne fa Gruden di tutte le scelte del draft che si è preso dando via due campioni invece di pagarli e valorizzarli.

NFC EAST
Dallas Cowboys (6-5) non è che voglia fare quello che “io l’avevo detto”, però, io l’avevo detto. Era ovvio che Amari Cooper fosse cucito dal sarto per questi Cowboys, e infatti li ha trasformati in tempo zero. Adesso vediamo se continua o se le difese troveranno dei game plan più efficaci.
Washington Redskins (6-5) l’infortunio a Smith potrebbe davvero aver compromesso la stagione, nella prima uscita, McCoy se l’è cavata benino per buona parte della partita, ma nei momenti topici è imploso. Inoltre, l’aggiunta di Clinton-Dix in difesa, invece di migliorarli, li ha peggiorati, perché il football è una strana bestia e non è detto che se aggiungi migliori, se tatticamente incasini tutto è finita.
Philadelphia Eagles (5-6) la vittoria coi Giants dimostra che comunque sotto un certo livello non scendono e difficilmente scenderanno, il problema è che loro puntano ai playoff e sembra sempre più difficile, anche perché, finora, l’aggiunta di Golden Tate non sta funzionando, anche qui, per stessa ammissione dell’offensive coordinator, per problemi tattici (come sia possibile che nella NFL di oggi ci sia ancora gente che prende giocatori come se fossero figurine, senza pensare a come inserirli in un sistema di gioco io non lo capisco, ma evidentemente…).
New York Giants (3-8) poco da dire, altra stagione buttata e necessità di una ricostruzione vera, a partire dal quarterback, se no l’unico motivo per cui continueremo a parlare di loro saranno le giocate di talento di Barkley e le esternazioni di Beckham (e la società non gli può dire che deve parlare di meno e giocare di più, gli hai fatto il contrattone conoscendolo e non puoi pretendere che se ne stia zitto, se non volevi che parlasse lo davi via).

NFC NORTH
Chicago Bears (8-3) in questa NFL ultra offensiva, ecco che la vecchia ricetta difesa dominante + attacco che gioca il cosiddetto complimentary football può avere ancora successo, e il fatto che anche col QB di riserva abbiano mantenuto lo stesso livello è un ottimo segnale. Sarà interessante vedere dove arriveranno.
Minnesota Vikings (6-4-1) non sembrano attrezzati per competere ad altissimo livello, ma sono comunque difficili da affrontare e possono tranquillamente essere considerati tra le 10 migliori squadre della Lega. Tocca ripetere però quanto detto il mese scorso, non dai 84 milioni pienamente garantiti a un quarterback per arrivare a questo livello.
Green Bay Packers (4-6-1) speranze playoff ormai appese a un filo e necessità per McCarthy di iniziare a organizzarsi la vita lontano dal Wisconsin. Tutto il resto è irrilevante, aspettiamo il coach nuovo e vediamo come si organizza.
Detroit Lions (4-7) il record non è granché, però nelle ultime due partite hanno dato segni di vita con la vittoria sui Panthers e la sconfitta coi Bears che, però, se la sono dovuta sudare parecchio. Certo aver perso Tate è brutto, e certo serve profondità almeno nel ruolo di running back, però io continuo a ritenere che Patricia stia lavorando abbastanza bene.

NFC SOUTH
New Orleans Saints (10-1) poco da dire, al momento sono la miglior squadra NFL, hanno davvero tantissime armi a disposizione, sia in attacco che in difesa, non puoi pensare a una strategia che li faccia giocare male, perché se fai qualcosa di qua, ti scappano via di là, e questo, come detto, vale in entrambe le fasi di gioco. Impressionanti.
Carolina Panthers (6-5) andava tutto bene, poi tre brutte sconfitte, maturate tutte in modo diverso, il che è ancora più preoccupante. Finora, quasi tutte le loro partite si sono decise nell’ultimo drive o quasi, ed è difficile capire come mettere a posto i dettagli che ti possono far vincere o perdere in certe situazioni delicate. Se non si perdono d’animo, il calendario propone tre partite da vincere assolutamente (Bucs, Falcons e Browns) e le due sfide coi Saints che magari potrebbero già essere a posto con la classifica e quindi non essere motivati. I playoff sono un obbligo, se non arriveranno, sarà il caso di fare valutazioni molto approfondite, specie in difesa e sugli special team.
Atlanta Falcons (4-7) ora che la stagione è chiaramente andata, vedremo quanta voglia metteranno i giocatori sul campo. Come già detto, gli infortuni hanno giocato un ruolo troppo determinante per questa stagione ed è il caso di aspettare l’anno prossimo e sperare in una maggior buona sorte.
Tampa Bay Buccaneers (4-7) qui, invece, c’è stato un gran casino con i continui cambi di quarterback, e si può ormai dire che Koetter ha fallito la propria missione di dare stabilità ad alto livello al gioco di Winston e che non merita di rimanere al proprio posto. Quindi, nuovo coach e si vede.

NFL WEST
Los Angeles Rams (10-1) la sconfitta nello scontro diretto coi Saints ha un po’ raffreddato le acque, ma questa rimane una squadra dall’attacco atomico e dalla difesa che certamente concede molto, ma che sa poi effettuare giocate decisive quando conta. Difficile pensare che la finale NFC possa essere diversa dalla rivincita a New Orleans.
Seattle Seahawks (6-5) come già visto il mese scorso, un miglioramento della linea offensiva è la chiave per mantenere questa squadra su un livello che può portarli a lottare per i playoff, unitamente a un Wilson tornato al proprio meglio dopo un difficile inizio di stagione. Hanno ancora molto da dire i Seahawks, nonostante i tanti cambiamenti.
Arizona Cardinals (2-9) anche qui, tocca ripetermi, Wilks non è il coach adatto, è stato bello fare l’esperimento, ma non è riuscito, è il caso di cambiare, e magari prendere un veterano che sappia anche organizzarsi bene lo staff (come si fa a dare ancora un incarico di offensive coordinator a McCoy lo sa solo il Signore). Il talento giovane per ripartire, almeno in attacco, c’è.
San Francisco 49ers (2-9) e pure qui mi tocca ripetermi: troppi infortuni e stagione irrimediabilmente compromessa, con la squadra difficilmente giudicabile in queste circostanze. Aspettiamo l’anno prossimo. Almeno Mullens può essere una riserva di buon livello, unica magra consolazione di una stagione disgraziata.

NFL: Le’Veon Bell e il confine tra diritti e doveri

Quanto è importante, nel proprio lavoro, difendere i propri diritti, anche lottando strenuamente? E quanto è importante, per far sì che la propria battaglia sia legittimata, far vedere che questi diritti non sono l’unica cosa che conta, ma che si è anche disposti ad adempiere ai propri doveri? La storia di Le’Veon Bell, running back dei Pittsburgh Steelers, può essere un esempio in tal senso.

Bell entra nella Lega nel 2013, e, in 5 stagioni, gioca 62 partite sulle 80 disponibili, un po’ per infortuni e un po’ per squalifiche relative ad assunzioni di sostanze proibite o comportamenti fuori dal campo non in linea con gli standard NFL. Quando gioca, però, è fantastico, e incarna al meglio l’idea moderna del proprio ruolo, che deve sì saper correre, ma anche essere abile come ricevitore, sia nell’atto di ricevere la palla, che di guadagnare yard dopo la ricezione sfruttando gli spazi. La sua pazienza, la sua visione e la sua capacità di prendere la decisione giusta con la palla in mano sono di altissimo livello, e le sue qualità come ricevitore puro sono comunque più che rispettabili. Bell è in grado di essere un’arma letale per qualunque tipo di attacco e un vero e proprio incubo per le difese avversarie, a prescindere dal sistema di gioco, dai compagni, dalle tattiche, da tutto.

Una franchigia vincente come gli Steelers, abituata a giocare sempre per vincere e talmente radicata nel proprio essere sempre ad alto livello da potersi permettere di rifuggire logiche legate a ricostruzioni o visioni nel lungo periodo, un giocatore così dovrebbe tenerselo stretto a vita, perché la sua presenza è davvero in grado di fare la differenza. Dovrebbe, quindi, proporre un bel contrattone lungo al giocatore, con un sacco di soldi garantiti, in modo da fargli sentire la fiducia della franchigia e farlo giocare mentalmente libero dal pericolo che un eventuale infortunio possa compromettere la possibilità di guadagnare quanto si è meritato con le proprie prestazioni in campo. Con l’altra stella del proprio attacco, il wide receiver Antonio Brown, fa infatti così, senza battere ciglio. Con Bell, però, ci si comporta in modo diverso.

Al termine del suo primo contratto, ovvero nel 2017, gli Steelers applicano su Bell il franchise tag. Questo strumento, creato all’interno dell’accordo collettivo tra la Lega, le franchigie e i rappresentanti dei giocatori, permette a ogni franchigia di designare un solo giocatore all’anno al quale applicare il tag, grazie al quale, se il giocatore accetta e firma il contratto, egli potrà giocare per quella franchigia nell’anno in corso e verrà pagato secondo un calcolo dello stipendio medio del proprio ruolo, in modo che lo stipendio stesso risulti più alto rispetto alla suddetta media. È un modo di permettere alle franchigie di non legarsi a lungo termine a un giocatore, e al giocatore di venire ricompensato per la mancanza di un futuro garantito guadagnando, in quell’anno, di più rispetto a quanto avrebbe ragionevolmente preso se avesse un contratto più lungo. Se poi, al giocatore viene applicato il tag per due o più anni consecutivi, lo stipendio si alza considerevolmente, proprio per disincentivare le franchigie all’utilizzo di questo strumento sul medesimo giocatore.

Bell ritiene che l’applicazione del tag su di lui sia ingiusta, perché si meriterebbe un contratto lungo. Non solo, secondo lui, visto che le sue statistiche mostrano che è il miglior corridore della squadra e, allo stesso tempo, il secondo miglior ricevitore, lo stipendio dovrebbe cumulare quello da miglior corridore e quello da secondo miglior ricevitore. La franchigia non ci sente, così lui salta tutta la prestagione per protesta, torna in tempo per l’inizio del campionato, gioca male le prime partite perché, ovviamente, doveva riprendere il ritmo, poi mette in piedi un’altra stagione meravigliosa, e viene necessariamente usato in modo massiccio nei giochi d’attacco della squadra.

Ma nemmeno così si guadagna il diritto a un contratto lungo, e la franchigia gli applica ancora il tag, permettendogli di guadagnare oltre 14 milioni di dollari per quest’anno, quando la media del ruolo di running back è di 8 milioni. Bell, però, non è più disposto a un’altra stagione massacrante, nella quale giocare tantissimi palloni e, di conseguenza, logorare il proprio fisico per le botte subite dagli avversari, per una franchigia che non si vuole legare a lui a lungo termine. Decide, pertanto, di non firmare il contratto e di rinunciare completamente a giocare questa stagione, e, conseguentemente, a guadagnare quello stipendio. Lo fa senza dirlo subito alla franchigia, ma lasciando scadere il termine entro cui poter firmare (che era il 13 novembre, ovvero dopo la metà del campionato) senza dire niente, in modo che, fino all’ultimo, la franchigia non sappia se potrà contare su di lui o no.

Ora, a partire dal marzo del 2019, Bell sarà free agent e potrà accasarsi con gli chi pare. Gli Steelers avrebbero ancora degli strumenti per tenerlo, ma appare molto improbabile che li usino. A questo punto, sta ad almeno una delle altre 31 franchigie decidere di investire pesantemente su un giocatore che, come abbiamo visto, è un vero difference maker in campo, ma che, però, presenta le seguenti controindicazioni:

  • Non è stato tenuto da una franchigia vincente, e questo porta a pensare che, oltre che del giocatore, gli Steelers abbiano tenuto conto anche dell’uomo, e abbiano ritenuto che ci fosse il rischio concreto che, una volta ottenuto il tanto agognato contratto, Bell non avrebbe messo più lo stesso impegno in campo e avrebbe pensato solo a non farsi male e a ritirarsi giovane dopo aver guadagnato tanti soldi;
  • Non ha saputo mettersi alla prova, come altri giocatori hanno fatto, giocando sotto il tag per più stagioni consecutivamente, mostrando di essere bravi e guadagnandosi il tanto sognato contratto lungo da un’altra squadra. Lui no, non accetta che una franchigia possa usare uno strumento previsto in seguito ad accordo anche coi rappresentanti dei giocatori, non certo deciso dalla Lega in autonomia, e pretende solo;
  • Di conseguenza, se anche qualcuno gli dà un contratto, mettiamo, di 5 anni, non è per niente detto che lui lo rispetterà, ma, più probabilmente, dopo tre anni inizierà ancora a fare storie per una lunga estensione, e non la si finisce più;
  • È bravo a tirare fuori le statistiche relative alla produzione in campo per stabilire a quale salario avrebbe diritto, ma si dimentica della 18 partite saltate in 5 stagioni, che sono circa il 20% del totale, e dei motivi per cui le ha saltate. Vuole essere pagato più di tutti, ma non accetta che chi lo paga possa tener conto della possibilità che salti la stessa percentuale di partite, né del suo passato non proprio irreprensibile;
  • Porta avanti un’idea molto pericolosa, ovvero che i giocatori debbano essere pagati in base alle proprie statistiche, e non al valore che essi portano alla squadra nel loro ruolo di riferimento. Il football è un gioco di squadra nel quale le statistiche raccontano una buona parte del rendimento, ma non tutto, e non tutti i compiti relativi al proprio ruolo sono coperti dalle statistiche. Se passa questa idea, chi glielo fa fare a running back e wide receiver di sacrificarsi nel bloccare gli avversari, se questo serve affinché lo schema disegnato abbia successo? Chi glielo fa fare ai pass rusher di creare confusione per far sì che un loro compagno, e non loro stessi, si liberi per fare pressione sul quarterback? Chi glielo fa fare ai defensive back di blitzare anche solo per far sentire al quarterback di dover lanciare la palla prima, senza che loro stessi abbiano davvero una reale possibilità di registrare a proprio favore una statistica positiva?

Io, se fossi un proprietario NFL, mi terrei ben lontano da un personaggio del genere. Non essendolo, però, non potrò far altro che stare alla finestra da marzo in poi e vedere se qualcuno si fida di lui. Se nessuno si fiderà, e, a 27 anni, uno dei migliori running back dell’ultima decade rimarrà a spasso, sarà una lezione per tutti che, per far valere correttamente i propri diritti, bisogna mostrare anche di considerare i propri doveri, cosa che, secondo me, Bell non ha fatto.

 

NFL monthly review: ottobre 2018

AFC EAST
New England Patriots (6-2): come prevedibile, Bill ha trovato il modo migliore di far rendere la propria difesa, e anche l’attacco si è sistemato con il ritorno di Edelman, un Gronk che non sarà in piena salute ma dice ancora la sua, l’acquisto di Gordon, l’ambientamento sempre migliore del rookie Michel e soprattutto un fantastico modo di utilizzare White. Insomma, le armi ai Pats non mancano mai, hanno solo bisogno delle prime 3-4 partite per capire come usarle, e poi vanno via come dei treni.

Miami Dolphins (4-4): le qualità che avevano portato allo splendido inizio di stagione non si stanno più vedendo, sicuramente c’entrano gli infortuni, ma non è improbabile che gli avversari si siano studiati bene i filmati e abbiano trovato le giuste contromisure, comunque restano una squadra più che onesta, pur senza risultare particolarmente difficili da affrontare al momento.

New York Jets (3-5): è l’anno uno della ricostruzione, quindi è normale che ci siano alti e bassi, soprattutto all’interno della stessa partita. Per ora Darnold si sta meritando la fiducia, tenendo conto che mostra tutto il campionario di errori e cose buone che ci si può aspettare da un giovane talento. Attorno a lui, purtroppo, non si vedono altri uomini che possano essere messi al centro del processo di risalita, mentre la difesa è messa un po’ meglio.

Buffalo Bills (2-6): al di là di due vittorie che appaiono più episodiche che altro, la squadra sta facendo vedere quello che ci si aspettava, ovvero una difesa che tiene in piedi le partite, ma i miracoli non li può fare, e un attacco totalmente inetto. Il problema è che, soprattutto con una OL così malmessa, non puoi nemmeno far giocare Allen per svilupparlo, perché cosa vuoi sviluppare quando devi scappare via dagli avversari tutto il tempo.

AFC NORTH
Pittsburgh Steelers (4-2-1): nelle ultime due o tre partite, le cose sembrano finalmente girare per il verso giusto nella Steel City, sia in attacco che in difesa, con gli uomini che ci si attendeva come protagonisti che finalmente stanno producendo per quello che valgono. Aspettiamo, comunque, test più probanti per includerli in modo sicuro tra i contender.

Cincinnati Bengals (5-3): squadra matta nel senso positivo del termine, da cui ci si può aspettare di tutto, nel bene e nel male, ma di cui è sempre bello seguire le partite, soprattutto perché il record è positivo. Possono benissimo arrivare ai playoff e, forse, per una volta giocheranno liberi mentalmente e chissà, potrebbe arrivare la vittoria tanto attesa.

Baltimore Ravens (4-4): hanno avuto la miglior difesa della Lega per 7 partite e poi ne hanno beccati 36 dai Panthers, vedremo se sarà un episodio. Lo stesso dicasi di Flacco, che ha giocato bene finora ma è affondato malamente nell’ultima partita. La squadra sembra essere solida e quadrata, sul modello delle sue versioni migliori degli anni scorsi, e dopo una sconfitta così, se l’impressione è veritiera, dovremmo subito vederli risalire, altrimenti potremo parlare di pretender.

Cleveland Browns (2-5-1): una volta che capisci con soddisfazione di non essere più il materasso degli ultimi due anni, magari vorresti anche vincere qualche partita in più, e smetterla di perdere sul filo di lana. Devono aver pensato così l’owner e il GM che hanno cacciato via head coach e offensive ccordinator così, di botto. Impossibile sapere da cosa è stata causata una mossa così radicale, da fuori si vede che il talento c’è, e che, quindi, il materiale su cui lavorare stavolta esiste, sarà interessante capire se si vorrà ora seguire il trend di affidarsi ai nuovi giovani rampanti o se si vorrà un head coach esperto (nel secondo caso, mi vengono in mente Kubiak se ha superato i problemi di salute o Del Rio).

AFC SOUTH
Houston Texans (5-3): troppo brutti per essere veri i Texans partiti 0-3 o troppo belli rispetto al loro reale valore questi che hanno poi vinto 5 partite di fila? Secondo me è vera la prima, le 5 partite non le hanno certo vinte contro delle corazzate, ma il valore di questa squadra è ben superiore rispetto a quello che si era visto nelle prime 3. DeAndre Hopkins sta scalando posizioni nella classifica dei miei WR preferiti, e forse è già al numero 1. Più di Beckham o di Antonio? Beh, io oggi se dovessi farmi una squadra, prenderei probabilmente lui.

Tennessee Titans (3-4): stile di gioco all’antica, ma mentalità moderna e sbarazzina nelle scelte su come approcciare le situazioni critiche: a me, nel complesso, questi Titans piacciono, e voglio vedere dove potrà portarli il lavoro di Vrabel tra due o tre anni e qualche aggiustata al roster per avere giocatori dalle caratteristiche più adatte allo stile di gioco del coach.

Jacksonville Jaguars (3-5): ho passato oltre un anno a non fidarmi di loro, e loro andavano sempre più lontano. Dopo la W coi Patriots mi sono detto che forse era il caso di smetterla con lo scetticismo, ed eccoli calare vistosamente al livello su cui me li ero sempre aspettati. Boh. Visti proprio nell’ultima sconfitta contro gli Eagles, l’impressione è che, come per i Dolphins, ormai gli avversari li abbiano studiati bene e abbiano capito come affrontarli.

Indianapolis Colts (3-5): zitti zitti, hanno finalmente un Luck a posto fisicamente, hanno saputo costruire un gioco di corsa affidabile, aggiungere i pezzi giusti in difesa, e non è che di colpo siano diventati uno squadrone, però la strada sembra essere quella giusta.

AFC WEST
Kansas City Chiefs (7-1): niente di nuovo rispetto al mese precedente: Mahomes dà spettacolo, l’attacco attorno a lui gira a meraviglia, la difesa concede qualcosa, ma alla fine i punti fatti sono più di quelli subiti, e la fiducia aumenta, perché vincere aiuta a vincere.

Los Angeles Chargers (5-2): io qui continuo con lo scetticismo. Le statistiche parlano di un Rivers fantastico, quello che si vede in campo è un gioco solido e con buoni picchi di qualità, poi però vado a vedere contro chi hanno mostrato questi punti di forza e li aspetto contro squadre un po’ più difficili da affrontare, e lì si vedrà.

Denver Broncos (3-5): avevo aspettative più alte per loro a inizio stagione, e invece devo ammettere a malincuore che mi sbagliavo, e onestamente è anche difficile trovare dove la squadra dovrebbe aggiungere giocatori migliori rispetto a quelli di ora per migliorare. Probabilmente, è il coach a non essere adatto, e ci vuole qualcuno di esperto e non un debuttante come quello di adesso.

Oakland Raiders (1-6): qui l’analisi è particolarmente semplice: Gruden vuole costruirsi lui la squadra, pertanto è disposto a dar via chiunque gli garantisca in cambio una buona scelta per i draft futuri. I giocatori lo sanno e non vedono alcun motivo per impegnarsi per questi colori, così se ne fregano e perdono partite.

NFC EAST
Washington Redskins (5-2): l’apoteosi del football di una volta, quello in cui ci si basa sulla difesa, sulle corse e su un quarterback che è più un game manager che non un vero e proprio creatore di gioco. Anche i protagonisti offensivi, ovvero Smith nel ruolo di game manager e Peterson in quello del running back che butta giù le difese, sono di una volta, ed era difficile aspettarlo, soprattutto da All Day, che sembrava ormai sul viale del tramonto e invece corre e schianta avversari come se fosse un ragazzino. E ogni tanto appare addirittura Vernon Davis, manco fossimo a San Francisco nel 2009. Finché dura, è un colpo ben assestato dalla tradizione contro le nuove tendenze hipster.

Philadelphia Eagles (4-4): continuano a pagare tutti i meccanismi complicati che nascono quando vinci un Super Bowl in quel modo. Wentz si sta confermando un signor quarterback ,e il pass rush resta tra i più feroci della Lega, ma tuti gli altri reparti soffrono di alti e bassi dovuti a mancanza di talento e di energie fisiche. Restano comunque una squadra che merita rispetto, ma non so se possano ambire a molto di più.

Dallas Cowboys (3-4): io ci credo a questa trade per Cooper, è vero, hai perso una scelta al primo turno, però quello era proprio il pezzo che ti mancava, non potevi non approfittarne. Io dico che da domenica vedremo un’altra squadra in attacco, non quella dei tempi migliori perché la OL non è più la stessa, ma ora gli avversari non potranno più solo concentrarsi sul mettere pressione a Dak e caricare il box per bloccare Zeke. E la difesa è ormai una solida realtà. Questa stagione è ben lungi dall’essere finita per l’America’s Team.

New York Giants (1-7): hanno strapagato Beckham e poi ne stanno rovinando gli anni migliori per tenere in campo Eli che è ormai un ex giocatore. Hanno cacciato via McAdoo per averlo panchinato e ora è chiaro a chiunque, ma non a loro, che era la cosa giusta da fare. Hanno un RB, due WR e un TE giovani e talentuosi e stanno buttano via tutto questo ben di Dio perché boh, sembra che Eli sia sacro peggio delle mucche in India. Basta con questo scempio, grazie Eli per i due Super Bowl e goditi la vita da pensionato, che non è che in campo stai facendo molto di più rispetto alla macchina che lancia i palloni in automatico, anzi, forse quella avrebbe più tempismo di te e subirebbe qualche sack in meno.

NFC NORTH
Chicago Bears (4-3): sono più competitivi rispetto a quello che dice il comunque decoroso record, purtroppo scontano la gioventù, compresa quella del coach, ma la strada è quella giusta. L’aver battuto i Jets senza affanni nell’ultima partita è un bel segnale, perché è evidente che, se non hai un livello minimo necessario, questi Bears non li batti, ed è già qualcosa in una lega equilibrata come l’NFL.

Minnesota Vikings (4-3-1): il livello è discreto, ma ci si aspettava una squadra da Super Bowl e invece non sembrano avere i mezzi per competere contro i migliori. Certo, qualche infortunio non ha aiutato, ma, a oggi, ci sono almeno 6-7 squadre migliori di loro, e non era questo il piano quando hanno ricoperto d’oro Cousins.

Green Bay Packers (3-3-1): il talento non manca, anche nei giovani che stanno giocando per via degli infortuni dei veterani, ma la continuità di rendimento ancora non arriva, e se così sarà fino alla fine dell’anno, McCarthy farà bene a iniziare a cercarsi un altro lavoro, sempre che qualcuno voglia assumere uno che, con uno dei migliori quarterback della storia del gioco, ha vinto un solo Super Bowl.

Detroit Lions (3-4): Matt Patricia sta portando il tanto atteso cambio di cultura e Detroit, e OK, per ora i risultati sono altalenanti, ma non si può pretendere tutto e subito. La strada, comunque, è quella giusta, soprattutto in attacco, con meno dipendenza da Stafford e un gioco di corsa come si deve grazie a Kerryon Johnson.

NFC SOUTH
New Orleans Saints (6-1): l’inizio di stagione incerto è già un ricordo lontano, e i Saints sono la stessa macchina da guerra dell’anno scorso, capaci di vincere in tanti modi, senza dipendere da nessuno ma sapendo di poter contare su chiunque debba contribuire in base al tipo di partita. Difficile fermare una squadra così, e lo scontro coi Rams di questa domenica si annuncia come una partita epica.

Carolina Panthers (5-2): tre partite poco convincenti, dalle quali sono arrivate due vittorie, ma poteva anche non arrivarne nessuna, e poi l’ottima performance contro una delle squadre più solide della Lega. Vedremo se si sarà trattato di uno statement game o di un episodio, quello che si è visto finora è che la squadra può competere contro chiunque, ma ci sono 4-5 squadre che sembrano migliori.

Atlanta Falcons (3-4): l’attacco gira, ma troppi infortuni in difesa li rendono vulnerabili, e onestamente sembra difficile vedere speranze di playoff per loro. In ogni caso sembra proprio una questione contingente dovuta agli infortuni, e la squadra non è né sarà mai facile da affrontare.

Tampa Bay Buccaneers (3-4): il record non è terribile, ma il problema è che si puntava tutto su una definitiva maturazione di Winston, e si era promosso Koetter come head coach per svilupparlo, invece il buon Jameis è ancora discontinuo come un rookie, e quindi di chi sarà la colpa, sua o di Koetter? Nel dubbio, potrebbero trovarsi in mezzo a una strada tutti e due.

NFC WEST
Los Angeles Rams (8-0): domenica scorsa, finalmente, hanno trovato una difesa che li ha imbavagliati per quasi tutto il primo tempo. Risultato? I giusti aggiustamenti tattici, 29 punti segnati a fine partita e tutte le missioni da football situazionale portate a termine. E come li fermi? Tra l’altro, contro squadre di livello più basso, sanno vincere anche con la difesa, non solo con l’attacco. Stupendi.

Seattle Seahawks (4-3): una linea offensiva decente a Seattle non si vedeva da chissà quanti anni, piano piano si sta formando e Wilson, dopo il brutto avvio di stagione, sta tornando lui. La difesa non è quella dei tempi migliori e si sapeva, però a inizio anno c’erano foschi presagi e invece la squadra c’è ancora.

Arizona Cardinals (2-6): Rosen sembra un quarterback attorno a cui si può costruire, Kirk e Johnson sono buoni talenti, Fitzgerald sa ancora dare qualche zampata da vecchio leone, anche la difesa qualche buon giocatore ce l’ha, insomma, la ricostruzione sarà lunga ma non è impossibile tornare competitivi tra un po’. L’impressione, purtroppo, è che si siano sbagliate le scelte per il coaching staff, e che l’anno prossimo si debba ricominciare da capo, ma il materiale umano su cui lavorare c’è.

San Francisco 49ers (1-7): troppi infortuni hanno irrimediabilmente compromesso la stagione, difficile giudicare una squadra con tanti e tali problemi fisici, se ne riparlerà l’anno prossimo e per quest’anno è andata così.

NFL 2018 monthly review: settembre

AFC EAST
Miami Dolphins (3-1)
: probabilmente non erano fenomeni dopo aver vinto le prime tre partite e non sono brocchi dopo essere stati asfaltati dai Patriots. Sono semplicemente un’onesta squadra con un’identità di gioco ben definita, in attacco e in difesa, che può far male con la propria velocità in entrambi i lati del campo, ma che ovviamente non è a livello delle migliori.

New England Patriots (2-2): ormai le partenze lente dei Pats sono una costante, e non poteva essere diversamente quest’anno visti i tanti avvicendamenti, spesso al ribasso. I report della vittoria sui Dolphins parlano di una squadra che si affida di più al gioco di corsa, vedremo come proseguirà e se l’acquisizione di Gordon e il rientro dalla squalifica di Edelman miglioreranno l’attacco. In difesa, come sempre Bill deve un po’ studiarsi le rotazioni e le posizioni ma sicuramente qualcosa di buono la tirerà fuori.

Buffalo Bills (1-3): la vittoria a sorpresa in casa dei Vikings sembra proprio il classico episodio in una prima parte di stagione che di solito dà diversi risultati inaspettati. Le altre tre partite hanno detto che non ci siamo in nessuna fase del gioco, e che la squadra sembra mancare soprattutto in motivazione, oltre che in talento. Sarà una lunga annata.

New York Jets (1-3)
: quattro partite sono particolarmente poche per giudicare questa squadra. Darnold sembra avere il giusto talento, ma ovviamente deve crescere, e in generale, questo è un discorso che può valere per gli altri giovani a roster, accanto ai quali non è che ci siano proprio dei nomi di prima fascia (a parte, forse, Trumaine Johnson in secondaria). Più che altro va capito se Bowles è il coach adatto per un progetto di questo tipo.

AFC NORTH
Cincinati Bengals (3-1)
: tutto nasce da una linea offensiva che è stata opportunamente ben sistemata dopo i disastri dell’anno scorso. Grazie a essa, Mixon sta riuscendo a tirar fuori il proprio talento, e ora che è assente per infortunio, Bernard sembra rinato. Inoltre, Dalton ha più tempo per passare la palla, così, anche se Ross non sta ancora producendo e Eiffert è nuovamente fuori per la stagione (e forse per sempre), AJ Green è al top della produzione, Boyd gli sta dando una grossa mano e la squadra va. Anche la difesa ringiovanita sta andando abbastanza bene, purtroppo sono ancora un po’ troppo indisciplinati e si beccano penalità ed espulsioni che stanno costando molto.

Baltimore Ravens (3-1): la speranza che Flacco si sentisse il pepe al culo per la scelta di Jackson al primo giro del draft si sta trasformando in realtà: Joe sta giocando bene come non faceva da anni, e i nuovi ricevitori sembrano già ben integrati con lui. Il gioco di corsa c’è, la difesa pure, e questa squadra è una candidata sempre più seria ai playoff, in una division dove chi ha dominato negli ultimi anni sta faticando terribilmente.

Cleveland Browns (1-2-1): da 16 sconfitte in 16 partite, a 2 sconfitte in 4 partite, il miglioramento è evidente, e il campo parla di una squadra che avrebbe anche potuto avere un record migliore senza alcune piccole cose andate storte. Dopo anni di scelte sbagliatissime al draft, quest’anno avevano la 1 e la 4 e non potevano fallire ancora, e finora sembra che abbiano scelto bene: Mayfield ha tutto per diventare il tanto sospirato franchise quarterback, e Ward ha rivoltato la secondaria come un guanto. Anche Callaway è un bel talento come WR e l’acquisto di Landry sembra azzeccato. La strada sembra, finalmente, quella giusta.

Pittsburgh Steelers (1-2-1): languono in fondo alla classifica di division per diversi motivi: la mancanza di Bell si sente eccome, il nuovo offensive coordinator non è ancora riuscito a dare la giusta impronta all’attacco e a valorizzare il talento dei suoi uomini migliori, e la difesa è ben lontana dal proverbiale Steel Curtain. Il brutto è che non sembra esserci rimedio nel breve termine, e la stagione potrebbe diventare senza significato ben prima del suo termine.

AFC SOUTH
Tennessee Titans (3-1)
: alla prima esperienza da head coach, Vrabel sta mettendo in campo i giusti concetti per far rendere al meglio la squadra, nonostante l’aver rinunciato in attacco a usare Rishard Matthews e il sotto utilizzo di Derrick Henry. Pur con un Mariota non al meglio fisicamente, la squadra sta producendo, seppur senza incantare, e il talento di Corey Davis è finalmente sbocciato. La difesa è l’immagine del suo head coach da giocatore, ovvero capace di dosare al meglio l’aggressività e di non andare mai fuori giri.

Jacksonville Jaguars (3-1): la sconfitta coi Titans può semplicemente essere attribuita alla classica bestia nera, che per i giaguari è rappresentata dalla squadra di Nashville. Nelle altre tre partite, la squadra ha impressionato non solo in difesa, come ormai ci ha abituato l’anno scorso, ma anche in attacco, con un Bortles chirurgico e un corpo ricevitori che sta supplendo ottimamente alle brutte condizioni fisiche dei running back. Se va avanti così, al Super Bowl potrebbero arrivarci.

Houston Texans (1-3): i buchi in linea offensiva stanno facendo più danni del previsto, e Watson non è nemmeno l’ombra dello splendido rookie dell’anno scorso. In generale, a parte Hopkins e Watt, nessuno sta rendendo per quello che potrebbe, e non si vede la luce in fondo al tunnel per i texani.

Indianapolis Colts (1-3): Luck è tornato ai suoi livelli, ma questo non sta bastando per tornare competitivi. Probabilmente sono meglio dell’anno scorso, ma la strada per tornare a lottare per traguardi importanti è ancora molto lunga.

AFC WEST
Kansas City Chiefs (4-0)
: finora l’impostazione attacco atomico-difesa pessima-giochiamo a chi segna di più sta pagando, in virtù soprattutto di un Mahomes incredibile, nei numeri, in quello che sta facendo vedere in campo e nella maturità e solidità mentale. Certo, non si può pensare di andare avanti in post season con quella difesa, però per ora godiamoci tutti questa stella che sta nascendo, e a gennaio si vedrà.

Denver Broncos (2-2): squadra migliorata rispetto all’anno scorso, ma ancora troppo discontinua, soprattutto nelle due sconfitte, non sono accettabili certi sbalzi di rendimento anche all’interno della stessa partita. C’è da dire che, finora, le aggiunte si stanno rivelando azzeccate: Keenum è sicuramente un QB migliore rispetto ai personaggi degli ultimi anni, i due rookie RB Lindsay e Freeman sono un bel duo e stanno producendo, Chubb sta dando una bella mano in pass rush e, con lui a fianco, Von Miller è più incontenibile del solito. Ci vuole più continuità, ma la qualità c’è.

Los Angeles Chargers (2-2): per ora facevo bene a non accodarmi all’hype che si era generato attorno a questa squadra. I Chargers sono, ancora, semplicemente i Chargers, ovvero una squadra che gioca bene ma non riesce a chiudere le partite e che ha sempre sul groppone infortuni pesanti da sopportare. L’aspetto più positivo è che Derwin James si è rivelata un’ottima scelta al draft e che Mike Williams, finalmente a posto fisicamente, sta facendo vedere di essere un giocatore valido. Ma i Chargers sono sempre i Chargers, e sempre lo saranno.

Oakland Raiders (1-3): con la scelta di liberarsi di Mack per scelte al draft future, Gruden e soci stanno dando un messaggio chiaro: a noi di Oakland non interessa niente e vogliamo essere pronti quando ci trasferiremo a Las Vegas. Purtroppo, il messaggio lo stanno ben cogliendo anche i giocatori, soprattutto in difesa, e se l’attacco gira, non sempre ma per buona parte del tempo, la difesa è improponibile.

NFC EAST
Washington Redskins (2-1)
: in una Lega con tante squadre e tante partite, c’è sempre quella che, inconsciamente, finisci per non seguire mai e fatichi a capire. Per me quella squadra sono i Redskins, e sinceramente faccio fatica a esprimere giudizi di prospettiva, anche perché si sono sempre dimostrati una squadra di discreto livello ma in cui manca sempre qualcosa. Finora, lo spunto più interessante della stagione è il tentativo di far rinascere Adrian Peterson, e sta anche discretamente riuscendo, e la voglia di creare un attacco un po’ più equilibrato con Smith al posto di Cousins. La difesa è, come negli anni scorsi, completamente indecifrabile e dal rendimento a dir poco ondivago, per cui non c’è molto da dire.

Dallas Cowboys (2-2): l’indebolimento, per vari motivi, della linea offensiva sta creando grossi problemi a un Prescott che non ha nemmeno tutti sti gran ricevitori a cui passare la palla (anche se Beasley ha detto chiaramente “guardando i filmati si vede che noi la separazione dai difensori la otteniamo e di più non possiamo fare” come a dire la colpa non è nostra, dichiarazione non bellissima secondo me, pure se fosse vera). Si sta salvando Elliott, ma perché è un autentico fuoriclasse e troverebbe spazio per correre pure se ci provassi io a fargli i blocchi. La difesa, invece, è solida e non concede molto, certo che se, nel football moderno, un QB fatica a toccare le 200 yard di passaggio, non si va da nessuna parte.

Philadelphia Eagles (2-2): hai vinto il Super Bowl a sorpresa ma ti presenti alla nuova stagione con qualche uomo importante in meno, un po’ di infortuni e gli avversari che hanno un anno di filmati in più da guardare per studiarti. Ovviamente la paghi, e pure piuttosto cara. Pederson e i suoi devono trovare delle soluzioni al più presto.

New York Giants (1-3): anche qui, sta tutto nella linea offensiva, che sta giocando talmente male da annullare tutto il potenziale offensivo della squadra. Difficile giudicare le difficoltà di Manning, l’impatto a corrente alternata di Barkley e quello ancora meno evidente di Beckham con una OL così. Certo, bisognerebbe avere il coraggio di accantonare il QB vecchio e cercarne uno giovane e che magari possa scappare meglio dalla pressione, ma se succederà sarà l’anno prossimo, non ora. La difesa sta anche tenendo discretamente, ma a un certo punto, con l’attacco che non sostiene i drive, prima o poi crolla.

NFC NORTH
Chicago Bears (3-1)
: la mossa di acquisire Mack dai Raiders, pur al costo di un capitale di draft importante, sta pagando: il n. 52 è più devastante che mai, e la difesa, in generale, sta trascinando la squadra. L’attacco è ancora tra alti e bassi, ma se al Championship ci sono arrivati Jaguars l’anno scorso, non si vede perché non ci possano arrivare i Bears quest’anno, visto che la difesa è parimenti dominante e l’attacco ha più talento.

Green Bay Packers (2-1-1): la classifica non è malaccio, ma le incognite non mancano, a cominciare dal ginocchio di Rodgers e continuando con una difesa che purtroppo non è certo irreprensibile e tra l’altro non si sta adattando alle nuove regole su come placcare i quarterback, o comunque non sta facendo vedere bene agli arbitri i propri placcaggi. Di positivo c’è che il gioco di corsa, seppur non esplosivo, sembra comunque poter dare una mano a Rodgers, e che quest’ultimo qualche coniglio dal cilindro lo tira sempre fuori, pur in precarie condizioni fisiche.

Minnesota Vikings (1-2-1): voglio provare a essere ottimista, diciamo che la sconfitta coi Bills, come ho detto sopra, è un episodio, e quella coi Rams ci sta perché contro i migliori è normale perdere. Certo che la difesa ha più di un problema, per via di uonimi chiave che stanno rendendo poco (Barr) o che dovranno stare assenti a tempo indeterminato per problemi di salute mentale (Griffen). Cousins c’è, forse pure troppo, nel senso che nelle ultime due partite gli si sta chiedendo di passare tantissime volte e non si sta usando il gioco di corsa, mentre sarebbe auspicabile un maggior equilibrio.

Detroit Lions (1-3): in teoria di cose positive che ne sono, poi però guardi il record e non è proprio bellissimo. Secondo me la squadra vale di più di quanto dica il record, quindi mi aspetto che già nella prossima review la colonna W-L penda un po’ di più dalla parte di Stafford e soci, anche perché è vero che nelle prime due partite sono stati bruttini da vedere, ma nelle ultime due sono sembrati in crescita, e finalmente con un attacco più equilibrato.

NFC SOUTH
New Orleans Saints (3-1)
: per ora il record è buono, ma qualcosa di storto c’è, soprattutto in difesa, che appare molto peggiorata rispetto all’anno scorso. Anche l’attacco appare meno equilibrato, anche se ora il ritorno di Ingram dalla squalifica dovrebbe aiutare. La nota più positiva è un Brees sempre più scintillante, chissà se davvero questi sono i suoi ultimi due anni, se va avanti così, mi sa che ne aggiungerà altri.

Carolina Panthers (2-1): Cam Newton e Norv Turner si stanno trovando bene insieme, però l’attacco appare buono ma non devastante, e contro squadre che invece hanno un sacco di punti nelle mani fa fatica a tenere il passo, come successo nell’unica sconfitta ad Atlanta. La difesa non ha retto per tutto il tempo in cui è stata in campo, ma nelle due vittorie ha fatto giocate chiave nel momento giusto per dare la W alla squadra. Insomma, per ora ci siamo, però siamo un pochino sotto rispetto al livello top della Lega.

Tampa Bay Buccaneers (2-2): partenza razzo e ritorno sulla Terra, Fitzpatrick ha ben sostituito Winston ma non può essere la soluzione a lungo termine, il bye arriva ora nel momento opportuno per permettere al coaching staff di sfruttare al meglio il talento in attacco, e ce n’è moltissimo, e cercare di mettere a posto la difesa.

Atlanta Falcons (1-3): qui l’attacco, dopo un debutto confuso, ha iniziato a ingranare, ma la difesa è sempre più un colabrodo, anche per via di infortuni pesanti. L’impressione è che la squadra sarà questa per tuta la stagione, quindi tanti punti sia fati che subiti e numero di vittorie difficile da prevedere ma non altissimo.

NFC WEST
Los Angeles Rams (4-0)
: i migliori finora, ma senza discussione proprio, inarrestabili in attacco, magari non ermetici in difesa, però capaci di fare la giocata giusta anche nella propria metacampo, soprattutto quando Suh e Donald mettono pressione ai QB avversari. Guardarli giocare è una bellezza, tra la velocità di pensiero e la precisione chirurgica di Goff e la pulizia estrema delle tracce corse dai ricevitori, tutti piazzati in modo perfetto sempre. Che squadra.

Seattle Seahawks (2-2): squadra in ricostruzione e che ha ora perso pure il proprio miglior difensore che si è rotto una gamba. Difficile giudicarli nell’immediato, andrà fatta un’analisi di prospettiva su dove intervenire per riportare la squadra ai fasti di pochi anni fa. Non sarà né semplice, né breve, né indolore.

San Francisco 49ers (1-3): qui non ci si potevano aspettare molte vittorie, però la squadra doveva far vedere di essere nella direzione giusta. L’impressione, in effetti, è quella, ma con McKinnon, Sherman e soprattutto Garoppolo fuori per il resto della stagione, è difficile farsi un giudizio davvero attendibile. La sensazione è che, al completo, a questa squadra le armi non manchino.

Arizona Cardinals (0-4): così come i Rams sono indiscutibilmente i migliori, loro sono i peggiori, altrettanto chiaramente. Non sembra funzionare niente, e l’unica speranza è per il futuro, nel senso di vedere un Josh Rosen all’altezza su cui poter rifare la squadra. Se non dovessero aver beccato nemmeno questa scelta, non solo il presente, ma anche il futuro appaiono più cupi che mai.

NFL season preview 2018

New England Patriots: difficile che la franchigia più vincente del secolo possa soffrire di Super Bowl hangover, ma quest’anno non escluderei la possibilità. Un conto è perdere contro Eli Manning e i Giants, un conto è farlo contro chi non aveva mai vinto e schierava il QB di riserva. Aggiungiamoci che il parco ricevitori non è mai sembrato così poco profondo e che alcuni pezzi importanti tra le linee e in difesa se ne sono andati e non sembrano essere stati ben sostituiti, e questo potrebbe essere l’anno più complicato di sempre per Bill & Tom.

New York Jets: nel primo anno dell’era Darnold ci si può aspettare di vedere del potenziale, ma nulla di davvero concreto. L’idea di una Gang Green ad alti livelli secondo me fa bene a tutta la NFL, quindi spero sinceramente di vederlo questo potenziale.

Miami Dolphins: si sono liberati di nomi altisonanti in nome della comunanza di intenti e della cultura dello spogliatoio, mossa rischiosa, ma di Gase ci si deve fidare, nonostante l’infausta scelta di Cutler dell’anno scorso. Il talento, comunque, non manca, da entrambi i lati della palla, magari sono più scommesse che certezze, ma sono scommesse che appaiono fattibili, a cominciare dall’esplosione del RB Drake.

Buffalo Bills: la difesa sembra esserci, ma in attacco la situazione è drammatica: di 3 QB non c’è nessuno che convinca, la OL è un work in progress, e se McCoy dovesse essere sospeso per i problemi fuori dal campo, non si vede sinceramente come possano essere prodotti punti con continuità.

Pittsburgh Steelers: Big Ben è in fase calante, ma Antonio Brown è al proprio picco, Smith-Schuster è sicuramente migliorato e LeVeon Bell dovrebbe far valere la propria abilità superiore una volta che le chiacchiera relative al contratto avranno dato spazio al campo. In una AFC che ha più domande che risposte, li vedo bene per un ritorno al Gran Ballo, anche grazie alla classica solidità di difesa e special team.

Baltimore Ravens: dopo tanti anni, Joe Flacco deve dimostrare di meritarsi il ruolo di QB titolare, altrimenti è pronto Lamar Jackson, che però è un tipo di giocatore completamente diverso. Calcolando anche che il leggendario GM Ozzie Newsome lascerà al termine di questa stagione, è il caso di parlare di anno di transizione per i Corvi.

Cincinnati Bengals: l’auspicabile cambio di head coach non c’è stato, e quindi si dovrebbe vedere la solita squadra di livello che può anche essere buono se tutto gira bene ma che non può certo aspirare a vincere. A quanto si è visto in pre season, John Ross dovrebbe essere a posto fisicamente e quindi finalmente AJ Green dovrebbe poter avere un WR degno di tal nome che distolga un po’ da lui le attenzioni delle difese avversarie.

Cleveland Browns: anche qui, non è il caso di aspettarsi niente di concreto, però si deve vedere qualcosa che lasci sperare in un futuro roseo. Hue Jackson è rimasto al proprio posto, ma probabilmente questa è l’ultima spiaggia per lui, e finalmente è stato preso un GM esperto come John Dorsey, che dovrebbe finalmente essere stato in grado almeno di dare la giusta direzione. Poi, come sempre, parlerà il campo, ma non sarebbe una sorpresa se i Browns ottenessero 4-5 vittorie.

Jacksonville Jaguars: l’anno scorso ero scettico, e i risultati mi hanno smentito, ma io continuo a non amare questa squadra, e finalmente quest’anno dovrebbero trovare delle difficoltà in più quantomeno all’interno della loro division. I pregi e i difetti sono i soliti, l’anno scorso sono bastati per arrivare lontanissimi, secondo me invece stavolta non basteranno.

Houston Texans: senza infortuni, possono vincere la division e anche fare degli ottimi playoff. Non manca davvero niente a questa squadra, solo la capacità di non infortunarsi.

Indianapolis Colts: Luck è tornato, ma non sembra esserci un gioco di corsa minimamente affidabile, quindi sarà dura comunque. La difesa sembra OK, l’head coach è nuovo ma è stato bravissimo come OC degli Eagles campioni. Non credo arriveranno ai playoff, ma possono essere un brutto cliente per tutti.

Tennessee Titans: anche qui, pregi e difetti non sembrano essere cambiati, se non per la scelta di puntare definitivamente su Henry come RB scaricando Murray. Passing game e difesa dovrebbero essere sempre gli stessi, a dispetto del cambio di head coach: l’anno scorso sono bastati per i playoff, ma con Texans e Colts più forti, non so se basteranno quest’anno.

Denver Broncos: l’arrivo di Case Keenum nel ruolo di QB e la scelta al draft del pass rusher Bradley Chubb dovrebbero aver finalmente ridato almeno un po’ di solidità a una squadra a cui l’anno scorso è mancata soprattutto la motivazione. Se poi ritrovassero anche un gioco di corsa degno di tal nome, potrebbero fare qualcosa di buono.

Kansas City Chiefs: per provare a elevarsi rispetto al livello di buona squadra da regular season che si scioglie nei playoff si sono liberati di Alex Smith per puntare su un giovane più adatto ai big plays come Patrick Mahomes. Peccato che la difesa sembri indebolita, e che quindi probabilmente dovranno giocare a chi segna di più, non esattamente la filosofia nelle corde di Andy Reid. Sono un po’ perplesso.

Oakland Raiders: il ritorno in pompa magna di Jon Gruden dovrebbe regalarci spettacolo in attacco, ma il punto debole l’anno scorso era la difesa, e non sembra certo essere migliorata, anzi. Almeno le due partite coi Chiefs dovrebbero essere degli shootout divertanti.

Los Angeles Chargers: boh, io questa squadra ho rinunciato da anni a capirla. Tra infortuni e il rendimento non più continuo di Rivers, manca sempre un centesimo per fare un lira, e la solfa sembra essere la stessa anche stavolta.

Philadelphia Eagles: è sempre difficile ripetersi, e lo è ancora di più se hai vinto a sorpresa e ti sei dovuto liberare di alcuni giocatori per questioni di salary cap. Comunque, dovrebbero ancora farsi come minimo rispettare.

New York Giants: sembrano aver messo i pezzi giusti per risollevarsi, compreso una buona scelta come head coach (al massimo potrebbe mancare un WR decente accanto a Beckham), quindi, anche se Eli non è più quello dei bei tempi, è lecito aspettarsi una buona stagione.

Dallas Cowboys: qui, invece, sembra essersene andata gente importante senza che sia stata ben sostituita, per cui schifo non dovrebbero fare, ma i playoff appaiono difficili da ottenere.

Washington Redskins: per me sono un mistero, sicuramente Alex Smith è stata una buona scelta come QB nel momento in cui era diventato troppo oneroso trattenere Cousins, però a leggere i nomi non è che si provi esattamente entusiasmo, e il fatto che si siano ridotti a rivolgersi a Adrian Peterson la dice lunga su come siano messi.

Green Bay Packers: se l’anno scorso non si fosse fatto male Rodgers, avrebbero vinto in carrozza, quest’anno hanno perso Nelson ma guadagnato Graham e trovato un GM meno attendista del precedente. Di conseguenza, il discorso sembra sempre lo stesso, ovvero se il numero 12 rimane in campo, non dico che vinceranno sicuramente, ma ci sono ottime probabilità.

Minnesota Vikings: se Dalvin Cook resta sano e lo strapagato Kirk Cousins si dimostrerà effettivamente un upgrade rispetto a Keenum, si può parlare anche qui di legittime aspirazioni alla vittoria finale, perché per il resto non mancava davvero niente.

Chicago Bears: l’arrivo di un head coach più offensivo era una necessità e si è verificato, ma poi in campo ci vanno i giocatori, e al di là dell’ormai affidabile duo di RB formato da Cohen e Howard, il resto della squadra sembra ancora un work in progress, in attacco e in difesa.

Detroit Lions: come negli anni precedenti, sembra esserci Stafford e poco altro, magari l’arrivo di un head coach dalla mentalità difensiva come Mike Patricia potrà dare benefici da quel lato del campo, ma poi la squadra non sembra attrezzata per competere ad alti livelli.

Carolina Panthers: era necessario cambiare l’OC perché il gioco di Mike Shula era diventato troppo prevedibile, ed è arrivato un vecchio volpone come Norv Turner, che deve mettere tuta la propria esperienza per ridare una scintilla a un attacco che ha mille armi a disposizione. La difesa dovrebbe esere solida, purtroppo alcuni infortuni qua e là creano una serie di incognite.

New Orleans Saints: la scelta di dar via la prima scelta 2019 per draftare un pass rusher sembra un bell’azzardo, e la squalifica di Ingram per 4 partite si farà sentire, ma per il resto questa è una squadra che competerà fino alla fine.

Atlanta Falcons: non ci sono più scuse, o il nuovo corso tecnico funzionerà in modo convincente, e non a corrente alternata come l’anno scorso, oppure ci dovrà essere una bella ripulita del coaching staff. Come nomi la squadra c’è eccome.

Tampa Bay Buccaneers: vale anche qui quanto detto sopra, con l’aggiunta che, se Winston non si dimostrerà finalmente maturo, sia in campo che fuori, bisognerà pensare anche a trovare un nuovo QB. Intanto, per far andar bene le cose, servirebbe un gioco di corsa che i RB attualmente a roster non sembrano essere in grado di dare.

Seattle Seahawks: addio Legion Of Boom: la difesa è un’incognita, il gioco di corsa pure, e se le cose dovessero precipitare, Russell Wilson dovrà inscenare un one man show che per i playoff potrebbe anche non bastare.

San Francisco 49ers: l’ottimismo non manca, non siamo ancora a livelli di elite, ma la crescita in tutte le fasi di gioco sembra esserci, e quest’anno magari non arriveranno i playoff, ma i vari giovani all’interno della squadra dovrebbero far vedere di essere in grado di formare un gruppo vincente nel giro di poco tempo.

Los Angeles Rams: hanno fatto la classica raccolta di figurine, mettendo a roster gente talentuosa ma dal carattere problematico e la conseguenza, finora, è che non stanno dando il meritato contrattone al miglior difensore della Lega. Il potenziale è infinito, le incognite a livello caratteriale, però, non mancano.

Arizona Cardinals: anno di transizione se ce n’è uno, con un QB esperto ma incline agli infortuni come Bradford che dovrebbe fare da mentore al giovane Rosen, e per il resto, qualche nome di alto livello qua e là ma un roster complessivo che non porta certo a pronostici particolarmente esaltanti.

Lettera aperta a Livio Proli: il basket non è un musical

Gentilissimo Presidente Livio Proli,

nella sua intervista alla Gazzetta dello Sport, pubblicata oggi 20 giugno 2018, Lei condanna i cori “uccideteli”, cantati durante gara 5 della finale playoff, e definisce “disturbativi” quei tifosi che cantano questo e altri cori e che mostrano insofferenza per le sconfitte. Dice che “bisogna togliere l’esasperazione”, che “le sconfitte ci possono stare”, che “una cultura come questa, in un palazzetto non puoi ammetterla”.

Signor Presidente, mi permetto di farle notare un piccolo dettaglio. Stiamo parlando di competizioni, di eventi dai quali escono sempre un vincitore e un vinto, e stiamo parlando di un pubblico che si reca al palazzetto non solo per godere dei gesti tecnici e atletici di sportivi professionisti, ma anche, e soprattutto, perché vuole che la propria squadra sia la vincitrice, e l’altra squadra la vinta. Se così non fosse, queste persone andrebbero a vedere un musical, dove tendenzialmente ci si aspetta di essere soddisfatti dallo spettacolo e non si parteggia per una parte o per l’altra.

Per far sì che questo desiderio si avveri, il pubblico ha due modi, entrambi eticamente leciti, per influenzare il risultato di una partita. Da un lato, sostenere con tutta la propria voce i giocatori che indossano la maglia della propria squadra, dall’altro, creare, entro i limiti del senso civico comune, un clima intimidatorio per i giocatori che indossano la maglia della squadra avversaria. E non perché ci sia un odio personale nei confronti di questi giocatori, ma perché c’è un odio sportivo, agonistico, un po’ come quello che devono provare gli stessi giocatori in campo, che devono rispettare l’avversario, ma anche metterci un agonismo tale per cui necessariamente il desiderio della propria vittoria si mescola a quello della sconfitta altrui.

E un linguaggio forte da parte della tifoseria, non viola alcuna norma etica, né alcuna convenzione di cultura sportiva. L’insulto becero e disturbativo è un’altra cosa, ed è rappresentato, ad esempio, dai cori sulla stazione di Bologna, o da quelli a sfondo razziale. Se a Milano ci fossero questi cori, e in passato ci sono stati, io sarei d’accordissimo con Lei, signor Presidente. Ma se, durante una competizione sportiva professionistica, il pubblico canta genericamente “uccideteli”, non sta augurando la morte a nessuno, ma sta semplicemente incitando i propri giocatori a dare tutto per sovrastare quelli avversari.

Sono ben altri i segni di inciviltà che devono sparire dai palazzetti italiani, e che, per fortuna, a Milano non ci sono mai stati, almeno nelle ultime 24 stagioni, quelle nelle quali ho seguito l’Olimpia dal vivo. Lanciare oggetti contundenti in campo, sputare ai giocatori, minacciare o aggredire dirigenti e familiari dei giocatori stessi in tribuna, inondare il campo di carta igienica quando la squadra di casa è in difficoltà per avere un time out supplementare. Questi non sono metodi eticamente leciti per creare il suddetto clima di intimidazione, ma le parole, anche forti, lo sono.

Del resto, proprio coach Pianigiani, nella conferenza stampa di pochi giorni fa, ha citato l’importanza del fattore campo del Panathinaikos, e come crede che si comportino i tifosi a OAKA? Magari non capiamo quello che dicono perché non parliamo il greco, ma credo che quei due o tre cori con quel tipo di linguaggio li cantino, no? E in quella leggendaria serata della rimonta sull’Aris, i giocatori greci si saranno sentiti un po’ intimiditi, suppongo, e come avrà fatto la tifoseria di allora a ottenere questo effetto? Qualche parola ben assestata sarà certamente arrivata, e anche se Galis e Yannakis non parlavano l’italiano, avranno ben intuito il tono.

Lei, inoltre, sostiene che il pubblico deve capire che le sconfitte ci possono stare, ma Le dirò che a Milano Lei è fortunato, perché ha un pubblico che, come dice Lei, non guarda necessariamente al risultato. Per la tifoseria milanese, è ancora valido il mitico motto di Dan Peterson, “sputare sangue”, ed è quello che loro guardano, e se lo vedono, il risultato conta molto relativamente. Negli ultimi 20 anni, la gente a Milano si è innamorata delle squadre sponsorizzate Sony e, qualche anno più avanti, Pippo, e non sono state stagioni che hanno portato risultati particolarmente rilevanti, ma in entrambi i casi, il pubblico vedeva tutti i giocatori che sputavano sangue. Lo stesso pubblico ha accolto tra i propri beniamini uno come Claudio Coldebella, dopo aver passato tanti anni ad augurargli la morte (sempre in modo figurato, s’intende), e si è innamorato di Mike Hall e Mason Rocca, giocatori con limiti tecnico-tattici ben precisi. E quando la squadra di Lino Lardo ha dovuto giocare due partite al Forum invece che al Lido per troppa richiesta di biglietti, e le ha perse entrambe per la disabitudine al campo e per l’emozione di un pubblico così grande, la gente l’ha applaudita senza riserve.

Quando i tifosi milanesi vedranno nuovamente lo stesso spirito, stia sicuro che gli applausi arriveranno a prescindere dal risultato, come è sempre stato a Milano. Sta a Lei, al coach e a tutta la società creare la mentalità giusta in seno alla squadra per far sì che questo avvenga. E dopo anni passati a smembrare ogni volta quei pochi casi di gruppi che avevano messo in mostra un embrione di quello spirito, mi fa piacere che Lei e il Suo staff stiate cercando di confermare il più alto numero di giocatori possibile, in modo che quel fuoco che si è acceso in questi playoff rimanga vivo e si intensifichi. Vedrà che il pubblico apprezzerà, e vedendo per tutta la stagione la squadra giocare con il giusto atteggiamento, non farà mancare il proprio sostegno.

Analogie, lungimiranza e novità

“Ma cos’è sta roba? Saranno mica canzoni? Ma può urlare nel microfono in quel modo? Ma poi mica suona, non è mica musica quella delle sue canzoni, è solamente rumore messo lì così. Che poi, canzoni, anche lì parliamone, dov’è la melodia? Ma potete tutti quanti andare dietro a uno che sbraita parole senza senso? Sta roba provavano a farla negli anni Ottanta, ma per fortuna avevano smesso, e invece ecco qui che cercano ancora di propinarcela. Tanto, guardate, è la solita roba modaiola, passerà in fretta e l’anno prossimo questo qui se ne torna dalla provincia da cui è venuto”.

Se ci pensate bene, ci sono due artisti, uno uscito sul finire degli anni Zero e un altro emerso in questi mesi a cui questa critica è stata rivolta nello stesso identico modo. E i due sono anche accomunati dal fatto che, appena hanno cominciato a ricevere attenzione, un grande nome del loro ambito di riferimento ha lavorato con loro, suscitando, anche qui, lo stesso tipo di reazioni, ovvero da un lato i fan che dicono “visto? Se il tale ha scelto di lavorare con lui, vuol dire che è bravo” e gli hater che ribattevano “ha scelto di lavorare con lui perché ha fiutato l’affare”.

Com’è finita per l’artista uscito dieci anni fa lo sappiamo bene: ha continuato ad avere sia molti fan che molti hater, ma il suo stile è stato, probabilmente, il più influente per decine di autori venuti dopo di lui; ha pubblicato quattro dischi, è stato preso sotto l’ala protettrice di uno dei nomi più importanti del mainstream italiano e con lui ha scritto il testo di un singolo di enorme successo; negli ultimi due dischi e nei tour relativi ha lavorato con fiori di musicisti e produttori. Insomma, non esattamente la moda passeggera che certi soloni preconizzavano.

Io starei, quindi, attento a etichettare nello stesso modo l’artista di ora. Le analogie con quello di dieci anni fa sono lì da vedere, e le possibilità di aprire un filone nuovo nella musica italiana pure. Che ci piaccia o no, quello è un altro discorso.